“Igor”: assolto da due rapine a Ferrara, pena da 20 a 11 anni

La quinta sezione penale della Corte di appello di Bologna ha assolto Norbert Feher, alias ‘Igor il russo’ da due delle tre rapine contestate e commesse nell’estate del 2015, fatti per cui a Ferrara era stato condannato a 20 anni in primo grado.

La pena per il serbo è stata dunque ridotta a 11 anni.

L’imputato era difeso dall’avvocato Gianluca Belluomini, mentre la Procura generale era rappresentata dal pg Nicola Proto, che aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado.

Feher, attualmente detenuto in Spagna dopo l’arresto a dicembre 2017, dopo otto mesi di latitanza, è condannato all’ergastolo in Italia, sentenza definitiva, per aver assassinato il barista di Budrio Davide Fabbri e il volontario di Portomaggiore Valerio Verri. In Spagna ha commesso altri tre omicidi e due tentati omicidi.

Le rapine al centro del processo finito davanti alla Corte di appello sono avvenute nell’estate 2015, quando con la sua banda (composta da Ivan Pajdek e Patrick Ruszo) seminò il terrore in tutto il Ferrarese: il 26 luglio a Villanova di Denore, il 31 luglio a Mesola nella casa di una 90enne rimasta legata e imbavagliata nel letto per 48 ore, e il 5 agosto a Coronella nei confronti di padre e figlia, sequestrati in casa per cinque ore e rapinati. Feher è stato giudicato responsabile solo per l’episodio ai danni dell’anziana.

“La Procura generale valuterà, all’esito del deposito delle motivazioni, se ricorrere per Cassazione”, ha detto la procuratrice generale reggente, Lucia Musti.

(ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.