Il 118 scende in piazza: grande festa per il decennale

Grande festa e partecipazione alla decima edizione dell’evento “Il 118 scende in piazza” che ha festeggiato il decennale oggi, sabato 15 ottobre, in piazza Trento e Trieste a Ferrara in occasione di “Viva! La Settimana per la rianimazione cardiopolmonare”.

Tanti cittadini, tra cui molti giovani, coppie e bambini, hanno preso parte alle esercitazioni pratiche di massaggio cardiaco sui manichini per imparare le informazioni su come riconoscere e affrontare l’arresto cardiaco improvviso e saper eseguire le manovre che possono salvare la vita: manovre semplici che chiunque di noi, anche senza una preparazione sanitaria specifica, è in grado di attuare.

La manifestazione è curata dai professionisti infermieri e autisti del 118 dell’Azienda USL di Ferrara con il patrocinio del Comune di Ferrara e la collaborazione dei volontari delle associazioni di pubblico soccorso della provincia: Croce Rossa, Sant’Agostino Soccorso, Voghiera Soccorso e Pubblica Assistenza Ferrarese.

Imparare a riconoscere precocemente l’arresto cardiaco e svolgere in maniera tempestiva le corrette manovre di massaggio cardiaco in attesa dell’arrivo dei soccorsi, è il primo anello della catena della sopravvivenza e quindi della solidarietà per salvaguardare il bene più prezioso che abbiamo, la vita” fa gli onori di casa il direttore del Dipartimento Interaziendale di Emergenza Roberto Zoppellari.

Più cittadini conoscono queste manovre, più vite umane possono essere salvate” conferma il direttore del Distretto Centro Nord, Marco Sandri, portando i saluti della direttrice generale AUSL e commissaria straordinaria dell’Azienda Ospedaliera, dottoressa Monica Calamai, e ringraziando tutti gli operatori sanitari presenti.

Ringraziamenti condivisi dall’assessore comunale alle Politiche Sociali Cristina Coletti – “a nome di tutta l’amministrazione, è una soddisfazione ospitare la decima edizione di un evento che lancia un messaggio così importante: per salvare una vita metti le mani sul cuore” – e del consigliere provinciale Francesco Colaiacovo che ribadisce l’importanza di “investire sulle competenze per gli altri”.

Presenti anche il questore di Ferrara Salvatore Calabrese, Vincenzo Martorano in rappresentanza della Prefettura, il maggiore Alberto Giletti, comandante della Compagnia Carabinieri di Ferrara, e il tenente colonnello Michele Sciarretta della Guardia di Finanza.

A testimoniare il fatto che “chiunque può fare la differenza per raddoppiare possibilità di sopravvivenza, perché solo in Italia 60mila persone muoiono per arresto cardiaco improvviso, e il 70% avviene in presenza di altre persone che potrebbero iniziare subito le manovre di rianimazione”, come evidenziato dal responsabile del 118 Maurizio Giacometti insieme al responsabile infermieristico del 118 Marco Orioli, sono intervenute due donne sopravvissute all’arresto cardiaco che hanno portato la propria testimonianza.

Ho avuto un arresto cardiaco sul lavoro, se sono ancora qua devo ringraziare i miei colleghi che hanno praticato il massaggio cardiaco fino all’arrivo dell’ambulanza e mi hanno salvato la vita” racconta Loretta Pretto, affiancata da Orsola Cipro: “È successo in aprile durante un allenamento in palestra e fortunatamente mi hanno soccorsa subito con il defibrillatore. Mi sono svegliata nel reparto di Cardiologia e mi sono ripresa subito”.

La manifestazione – accompagnata dalla voce di Telestense e dalla musica dei dj orgogliosi autisti del 118 di Ferrara, Gabriele Canella e Marco Bersanetti – ha dato spazio anche allo sport, con l’intervento di Massimiliano Duran, ex pugile e campione mondiale WBC dei pesi massimi leggeri e campione europeo della stessa categoria, e l’esibizione di kick boxing con i giovani atleti di IAKSA Italia.

Con una gustosa sorpresa per festeggiare il decennale tutti insieme, ovvero il gradito taglio della torta offerta dall’Istituto Alberghiero Vergani di Ferrara e servita ai partecipanti alle esercitazioni, a cui sono stati consegnati anche l’attestato di partecipazione “Bravo soccorritore Viva!” e un kit con mascherina e porta mascherina, a ricordo di una giornata ‘di cuore’ sulle note della canzone Stayin’ Alive dei Bee Gees che, curioso ma vero, ha il ritmo giusto da seguire per effettuare il massaggio cardiaco.

(Comunicato stampa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *