Il 4 maggio arriva il bonus bebè

Bonus bebè, finalmente c’è una data certa per poter presentare domanda.

Dopo mesi di attesa, a partire dal 4 maggio sarà disponibile la procedura telematica sul portale dell’Inps attraverso la quale richiedere gli 800 euro destinate alle mamme in attesa, o a quelle che nel 2017, hanno già partorito.

Si potranno presentare a partire dal 4 maggio le domande per ottenere il tanto atteso bonus bebè da 800 euro. Il contributo, previsto dalla di Bilancio 2017, avrebbe dovuto essere erogabile già da inizio anno ma per una serie di problemi legati prima alla definizione dei requisiti, poi alla piattaforma, la situazione era rimasta bloccata. Ora però è arrivato il via libera e da giovedì 4 maggio lo si potrà richiedere.

Il bonus sarà corrisposto dall’Inps su domanda della futura madre, al compimento del settimo mese di gravidanza oppure alla nascita o adozione o affido, per gli eventi verificatisi dal 1° gennaio 2017. Il premio è concesso in un’unica soluzione per evento ed in relazione ad ogni figlio nato o adottato/affidato.

Hanno diritto alla prestazione le mamme in possesso della cittadinanza italiana o comunitaria; le cittadine non comunitarie in possesso dello status di rifugiate politiche e protezione sussidiaria e le cittadine non comunitarie in possesso del permesso di soggiorno UE di lungo periodo oppure di una delle carte di soggiorno per familiari di cittadini UE.

La domanda, alla quale va allegato il certificato di gravidanza oppure il codice fiscale del neonato, deve essere presentata telematicamente all’Inps mediante una delle seguenti modalità:via WEB, utilizzando i servizi telematici del portale www.inps.it, chiamando il Contact Center Integrato al numero 803164, gratuito da telefono fisso, oppure al numero 06164164 per le chiamate da cellulare con tariffazione a carico dell’utente o infine tramite i Patronati.

La domanda deve essere presentata dopo il compimento del settimo mese di gravidanza e, comunque, improrogabilmente entro un anno dalla nascita, adozione o affido del bambino. Visti i ritardi nella realizzazione della piattaforma, per non penalizzare le mamme di bambini nati tra il 1° gennaio e il 4 maggio 2017, il termine di un anno per la presentazione decorrerà dal 4 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *