Il gesto “estremo” di un imprenditore ferrarese

La crisi mette in ginocchio imprese e famiglie, arrivando purtroppo a spingere anche a gesti estremi. Ma Giulio Barbieri, combattivo imprenditore ferrarese, protagonista di battaglie ambientalistiche e politiche sotto l’insegna di una lista civica tuttora presente in Consiglio comunale a Ferrara, non accetta né la disperazione, né la rassegnazione e reagisce con un gesto di sfida.

“Se il Paese non si fa carico delle sue imprese migliori, non capisce i problemi di chi lavora e crea lavoro, non sostiene le imprese e le famiglie in difficoltà, né offre strumenti per il il made in Italy le imprese lasceranno il Paese: un gesto estremo, dice Barbieri, per chi ama la propria terra, ma anche l’inevitabile conseguenza, aggiunge con amarezza, di un paese dove Istituzioni, mondo del credito, forze politiche non sanno farsi carico delle difficoltà delle persone”.

Parte dalla volontà di lanciare un messaggio provocatorio a chi ci governa, l’iniziativa geniale di Giulio Barbieri, imprenditore ferrarese di fama mondiale, fornitore ufficiale dei tunnels estensibili preposti all’ingresso in campo dei giocatori in occasione della diciannovesima coppa del mondo giocata Sud Africa nel 2010. Passato da alcuni anni al settore del fotovoltaico con pannelli, pensiline e strutture, venduti in diversi Paesi.

Una provocazione, ma anche un messaggio di solidarietà, dice Barbieri, agli imprenditori , che non hanno aziende decotte, ma che non trovano credito per i loro investimenti, che faticano a riscuotere i loro crediti, né hanno alcun supporto per reggere l’urto di 5 anni di crisi economica mondiale. Un invito, aggiunge, a reagire e non rassegnarsi. Se l’Italia non ci vuole, noi cercheremo altri Paesi più accoglienti verso le imprese. Un discorso che va meditato. Barbieri non dice “porterò i miei capitali all’estero”, ma il mio lavoro, quello dei miei figli, perché qui non avrebbero futuro.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120424_01.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *