Il “Giardino” di Bassani al Meis

Sarà inaugurata domenica 29 aprile alle 11.30, per restare aperta fino al 17 giugno prossimo, la mostra “che bel romanzo” Bassani e il Giardino dei Finzi Contini attraverso un mosaico di immagini e parole tratte da quotidiani, periodici e riviste del 1962, anno della pubblicazione del romanzo.

Curata da Raffaella Mortara, consigliera della Fondazione Meis, la mostra è stata realizzata in collaborazione con la Fondazione Centro di documentazione ebraica contemporanea di Milano, l’Istituto di Storia contemporanea di Ferrara, le Teche Rai, la Fondazione Giorgio Bassani, – che ha concesso di portare in mostra lo studio dello scrittore, ospitato nella mostra permanente del Palazzo del Vescovo di Codigoro – avrà l’autorevole patrocinio della Fondazione Corriere della sera e la sponsorizzazione di Banca Generali.

Fra le immagini in mostra, anche quelle dell’archivio privato di Lino Capolicchio, indimenticato interprete del film di Vittorio De Sica, liberamente tratto dal romanzo di Bassani.

“Una mostra che mi ha fatto divertire” oltre che scoprire l’Italia di 50 anni fa. Dalle prime pagine dei giornali da cui derivano le recensioni del romanzo, esce, infatti, ha aggiunto Mortara, un vero e proprio spaccato del nostra Paese e del mondo di quegli anni. Una mostra tutta da vedere, leggere, studiare, cui si aggiungerà la possibilità di visitare il giardino della palazzina, realizzato con il patrocinio del Mibac, della Regione Emilia Romagna, della Provincia e del Comune di Ferrara, Ferrara Arte.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120420_03.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *