Il Palio: conto alla rovescia

Va facendosi incandescente il clima all’interno delle otto contrade che domenica prossima, 17 giugno, in Piazza Ariostea, si contenderanno i palii realizzati quest’anno, dagli allievi dell’Istituto d’Arte e Liceo Artistico Dosso Dossi di Ferrara.

I putti che non devono aver compiuto i sedici anni, si batteranno lungo due giri della piazza, per aggiudicarsi il Palio di San Romano, firmato da Riccardo Luppi, 17 anni, che ne ha fatto un personaggio statuario, imponente e caratterizzato da colori caldi, in contrapposizione con lo sfondo freddo e volutamente impreciso.

Due giri anche per le putte che come i colleghi uomini devono avere meno di 16 anni. Alla vincitrice andra’ il Palio di San Paolo, realizzato dalla diciottenne Flavia Lunardi. E’ un santo rappresentato in un momento di riflessione e caratterizzato dagli elementi iconografici della tradizione che ce lo rendono con grande immediatezza.

All’asina e allo staffiere che trionferanno in questa particolarissima corsa che si svolge su tre giri dell’anello, verra’ assegnato il Palio di San Maurelio. La firma e’ quella di Ilaria Farina, 18 anni, che propone un San Maurelio iper realistra nelle vesti vescovili e la folta barba. Sullo sfondo la cattedrale di San Giorgio, della quale Maurelio fu il primo vescovo.

Ed eccoci al clou dell’intera manifestazione, la corsa dei cavalli. Quattro giri pieni oltre al tratto che dalla mossa arriva alla tribuna. Chi vince porta in contrada il Palio di San Giorgio. Katerina Nepop, 16 anni, di origine ucraina, lo ha realizzato puntando sulla tradizione: il santo e’ a cavallo, sovrastato da un enorme drago blu, il tutto immerso in una scenografia infuocata, sulla quale prevale l’imponenza del castello estense.

[flv image=”https://www.telestense.it/wp-content/uploads/2012/04/palio001.jpg”]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120614_09.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *