“Il ricamo e le scienze nelle mani” a Casa di Stella dell’Assassino

Ricamo

Ferrara, la sua storia e l’arte del ricamo si intrecceranno dal 23 novembre all’1 dicembre a casa di Stella dell’Assassino (via Cammello 15) in occasione dell’allestimento della mostra “Il ricamo e le scienze nelle mani”. L’iniziativa, presentata in mattinata nella residenza municipale, è nata nell’ambito di FerrarAzione dalla collaborazione fra Contrada e Parrocchia di S. Maria in Vado, associazioni del settore e Ufficio comunale Ricerche Storiche con il patrocinio del Comune di Ferrara per raccogliere fondi da destinare al recupero della basilica di S. Maria in Vado colpita dal terremoto

All’incontro in Municipio hanno partecipato l’assessora comunale Rossella Zadro, il responsabile Ufficio comunale Ricerche Storiche Francesco Scafuri, Elisabetta Holzer e Margherita Ghedini dell’associazione RicamArte e il vice presidente della Contrada di Santa Maria in Vado Filippo Sabbatani.
A fianco dell’esposizione di diverse decine di pregiati ricami realizzati dalle socie delle scuole di ricamo RicamArte e I Merletti, nel corso delle nove giornate programmate nella sede della Contrada sarà messa in campo un’ampia serie di proposte per visitatori e appassionati. Fra queste laboratori mattutini di ricamo guidato per le scuole (coinvolti allievi dalle elementari alle superiori), la presenza di esperte ricamatrici negli orari di mostra e la stesura di un ricco calendario di conferenze che spazieranno dai temi specifici legati alla storia e alla tecnica del ricamo ad altri propriamente storico culturali. Da ricordare l’appuntamento con Paolo Sturla Avogadri che venerdì 29 novembre (alle 17.30) interverrà sul tema “L’Arazzeria Estense” e con Francesco Scafuri dell’Ufficio Ricerche storiche del Comune di Ferrara che sabato 30 novembre (alle 17.30) parlerà di “Storie di amanti: Nicolò III d’Este e Stella dell’Assassino, Ugo e Parisina”

Durante le giornate di mostra saranno a disposizione, per chi vorrà contribuire, i mattoncini della ricostruzione simbolo dell’azionariato sociale e le “magliette di Ugo e Parisina” realizzate dall’artista ferrarese Gian Franco Goberti.

La rassegna sarà inaugurata sabato 23 novembre dal sindaco Tiziano Tagliani e dal presidente
della Contrada di S. Maria in Vado Giovanni Bellini. Alle 16.30 l’assessora comunale Rossella Zadro aprirà gli interventi sviluppando il tema “Può creare innovazione e lavoro l’arte del ricamo?” Seguiranno Elisabetta Holzer con “Le origini del Ricamo Estense” e Bianca Rosa Bellomo con “Aemilia-ars e la disegnatrice di origine ferrarese Parisina Schincaglia. I numeri, la geometria, il ricamo”. Al termine le scuole di ricamo presenti illustreranno i materiali esposti. L’ingresso alla mostra è gratuito (Orario di apertura al pubblico 23 novembre: 16 -19 e dal 24 novembre all’1 dicembre: 9.30-12.30; 16-19 (www.cronacacomune.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *