Conferenza sociosanitaria: Baraldi (Pd) accusa di inerzia il Sindaco Fabbri

Uno dei primi atti compiuti dal sindaco Fabbri è stato quello di farsi votare come presidente della conferenza territoriale sociosanitaria: legittimo.

Nel tempo però è emerso che l’unico scopo era quello di utilizzare quell’incarico non per affrontare i problemi della sanità, ma solamente per polemizzare politicamente con la regione Emilia Romagna (anche nell’ultima nota non riuscire a distinguere il ruolo istituzionale da quello politico di un gruppo assembleare lo dimostra).

Se non per dare e togliere la parola durante lo svolgimento delle ctss, mai in questi oramai due anni si è visto Fabbri proporre qualcosa, anzi, quasi mai lo si è visto interessato al tema sanitario.

Mai neanche una assunzione di responsabilità nell’indicare se la strada disegnata dalle due direttrici fosse quella giusta, anzi nessuna espressione chiara neanche in occasione della presentazioni dei bilanci: ci si è trincerati dietro una comoda astensione senza nessun commento o proposta costruttiva.

Troppo facile scaricare le responsabilità su altri senza volersi assumere le proprie, ben riassunte e indicate nel regolamento per il funzionamento della ctss, che forse Fabbri dovrebbe rileggersi. Ma si sa, questo non vale solo per la sanità perché non c’è notizia di una gestione consapevole e autorevole in nessun altro ambito. Meglio appaltare ad altri soggetti (associazioni di categoria o critici d’arte).

Siamo a dei recinti in alcuni parchi, a nuovi regolamenti sociali palesemente incostituzionale e gran post di autocelebrazione prodotti da personale assunto e pagato profumatamente solo per questo.
Adesso però basta! 2 anni sono troppi per continuare a dare la colpa ad altri: un tempo infinito per non aver ancora iniziato a svolgere il proprio ruolo, specie in un momento così delicato quale quello che stiamo attraversando.

Gruppo consiliare PD Ferrara

Ilaria Baraldi
Per il gruppo consiliare Partito Democratico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *