Immigrazione: nuovo hub in E-R per minori non accompagnati. Anche Camelot nella gestione del progetto

camelotDa inizio settembre in Emilia-Romagna partirà un nuovo sistema di accoglienza diffusa tra i comuni, rivolto ai minori stranieri che arrivano in Italia senza famiglia. Il progetto permetterà di accogliere 50 giovani, 20 dei quali saranno ospitati a Ravenna e 30 a Budrio (Bologna): i minori potranno risiedere nelle strutture per un massimo di 60 giorni, per poi essere redistribuiti in centri di seconda accoglienza.

A proporre questo nuovo sistema è l’Anci, l’associazione nazionale dei comuni italiani dell’Emilia-Romagna, che ha vinto un bando da 2 milioni e 556 mila euro del ministero dell’Interno che copre due anni e mezzo di attività. Il progetto si è classificato 3/o nella graduatoria nazionale: sono stati 46 quelli presentati, la metà dei quali accolti.

A gestire l’iniziativa saranno due cooperative, Persone in movimento e Camelot. Ai ragazzi saranno garantiti, tra l’altro, assistenza legale, sanitaria, vitto, alloggio, servizi di mediazione culturale per facilitare la comunicazione e verranno coinvolti in attività di insegnamento dell’italiano. “Solo se lavoriamo in maniera integrata e condivisa possiamo gestire flussi migratori che non possiamo più considerare come un’emergenza, ma una dinamica che dobbiamo essere pronti a governare anche per il futuro”, ha detto Paolo Pirazzini, direttore del dipartimento Welfare di Anci Emilia-Romagna. Per Chiara Sapigni, responsabile del coordinamento politico sull’immigrazione dell’associazione, “siamo attori di una accoglienza specifica, vogliamo fare la nostra parte”

(Ansa)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *