In agricoltura il lavoro di domani: ecco la legge

ciaAssociazione Giovani Imprenditori Agricoli della Cia di Ferrara chiede le coperture finanziarie necessarie per approvare il disegno di legge a favore degli imprenditori under 40.

Un disegno di legge, promosso dalla senatrice ferrarese Maria Teresa Bertuzzi, al quale si sta lavorando in Commissione Agricoltura al Senato.

Agevolazioni e sgravi fiscali per favorire i nuovi insediamenti dei giovani nel settore agricolo, per chi rinnova attrezzature e produzioni agricole; la possibilità di accedere al credito bancario e al microcredito, magari attraverso una banca delle terre agricole, da costituire appositamente presso Ismea, per evitare ostacoli insormontabili ai neoimprenditori. E costruire un inventario pubblico, consultabile on-line, della domanda e dell’offerta dei terreni agricoli, compresi quelli demaniali, in maniera tale da poter trovare terreni disponibili.

bertuzzi agri
Maria Teresa Bertuzzi, senatrice

Sono alcune delle misure per favorire l’imprenditoria giovanile, la competitività e il ricambio generazionale nel settore agricolo contenute nel disegno di legge n.287 al quale sta lavorando la Commissione agricoltura del Senato. Disegno di legge promosso dalla senatrice ferrarese, Maria Teresa Bertuzzi, per il quale, spiegano all’AGIA, l’associazione che riunisce i giovani agricoltori di Cia Ferrara, è necessario trovare le coperture finanziarie. “Stiamo valutando i suggerimenti che in audizione al Senato ci sono stati forniti con un confronto partecipato da parte di tutte le forze politiche”, ha sottolineato la senatrice del Pd. Misure necessarie, quelle contenute nel disegno di legge, per favorire le nuove generazioni che vogliono intraprendere la propria carriera nel settore agricolo, tra i pochi, nel nostro paese, a registrare segni positivi in fatto di occupazione lavorativa. Per favorire il ricambio generazionale, Agia-Cia sta chiedendo anche il blocco dell’aumento dell’aliquota dall’1% al 9% sulla riconversione della piccola proprietà contadina: “Non avrebbe nessun senso varare norme di competitività e sviluppo del settore se poi viene tolta questa importante agevolazione fiscale, dicono i giovani agricoltori di Cia Ferrara.

Questa settimana la legge di stabilità varata dal consiglio dei ministri inizierà il proprio iter con la discussione al Senato. La speranza, in caso di approvazione, è che una parte di fondi stanziati vadano all’agricoltura, dicono alla Cia, magari proprio quelle agevolazioni fiscali (esenzione tasse, esenzioni versamenti contributi nei primi cinque anni di attività) che possono essere di supporto ai giovani imprenditori agricoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *