In arresto due donne: facevano prostituire minorenni – VIDEO

Sfruttavano e facevano prostituire giovani nigeriane, anche minorenni, sotto la minaccia dei riti woodoo.

Per questo due donne sono state arrestate dalla Polizia di Stato al termine di un’indagine durate più di un anno e anche grazie al coraggio di due delle vittime della tratta che hanno denunciato quanto subito.

La promessa di una vita migliore, il rito woodoo per consacrare il patto, il viaggio durissimo, lungo mesi, poi l’arrivo in Italia e l’inizio di un incubo. Ad attenderle non un lavoro di commessa o baby sitter, ma la strada, e a costringerle a prostituirsi due donne, loro connazionali, che dietro la minaccia di altri temuti riti woodoo, le tenevano in pugno. La storia è quella di tre giovanissime nigeriane finite a Ferrara, ma come loro ce ne sono centinaia. Quello che le distingue dalle altre è che le loro sfruttatrici, grazie anche al loro coraggio, sono state arrestate.

Si tratta di Becky David, 28anni, e Chinyere Okoro, di 33, divenute abili gestrici della tratta di loro connazionali. In un appartamento in via Cattaneo, a Ferrara, tenevano le ragazze che costringevano sulla strada, ogni giorno, fino alle 6 del mattino. Tutto quello che incassavano dovevano darlo a loro, soldi che sarebbero serviti per l’affitto, il cibo, i vestiti, e per pagare il debito contratto per essere portate in Italia, dell’ammontare di circa 20-30 mila euro. Per le sfruttatrici nell’abitazione c’era ogni agio, le ragazze invece venivano tenute in piccole stanze in pessime condizioni con i vestiti e gli effetti personali accatastati per terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *