In fuga dall’Ucraina, il viaggio lungo e l’accoglienza ferrarese – VIDEO

Sono arrivate a mezzogiorno al Centro sociale Rivana Garden, portate  da un campo profughi in  Polonia, al confine con l’Ucraina, a Ferrara, da Alexandr, cittadino ucraino partito da Ferrara venerdì mattina, come avevamo raccontato ieri.

Sono una mamma con i suoi tre bambini, due cugine tutte con parenti e amici ferraresi pronti ad ospitarli. A ferrara li aspettava un altro cugino già ospite della nonna.

Con loro erano una giovane mamma con  la figlia di sedici anni, dirette a Orte , in provincia di Viterbo e vicino a Roma. Sono fuggite da Zaporizhzhia, dopo i primi bombardamenti sulla centrale nucleare. Sentiamo il racconto di Alexandr, che dopo 14 ore di viaggio di ritorno, nonostante la stanchezza  ci presenta le nuove arrivate e ringrazia il suo datore di lavoro ferrarese, per la generosità.

A proposito di accoglienza , abbiamo sentito Natalia, cittadina ucraina attiva da giorni al centro di raccolta della Rivana Garden con padre Vasyl e il colonnello Firrincieli,  con lei c’è Laura volontaria ferrarese del centro sociale, esempio di generosità personale e di tutti i soci del Centro. Con loro questa mattina al lavoro di smistamento pacchi abbiamo incontrato un avvocata ferrarese, una farmacista e alcuni volontari della SPAL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.