In teatro con Pollini dopo il sisma: l’amore del Maestro Abbado per Ferrara – VIDEO

Pollini al Comunale
Pollini al Comunale

Non appena ricevette la notizia dei danni che il terremoto dell’Emilia aveva provocato a Ferrara e al suo Teatro Comunale chiamò il sindaco Tagliani, per esprimergli la propria vicinanza a tutti i ferraresi, e per fargli una proposta: salutare la riapertura del Teatro con un grande concerto il cui ricavato sarebbe stato destinato al recupero della città ferita dal sisma. Il concerto si sarebbe tenuto il 23 settembre: Claudio Abbado alla direzione dell’Orchestra del festival di Lucerna, solista il grande Maurizio Pollini.

Quell’episodio è la testimonianza del legame fortissimo che in oltre 20 anni si era creato tra il maestro Abbado, uno dei più grandi musicisti italiani, e Ferrara.

Claudio Abbado è morto a 80 anni, a Bologna, circondato dall’affetto della propria famiglia; Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, lo aveva nominato claudio-abbado-img-ppsenatore a vita il 30 agosto 2013. Era stato per molti anni direttore musicale della Scala, della Staatsoper di Vienna e direttore artistico dei Berliner Philarmoniker.

Aveva diretto il suo primo concerto al teatro comunale nel marzo del 1990, alla guida della Chamber Orchestra of Europe che lui stesso aveva fondato. Quel concerto fu l’atto fondativo del festival Ferrara Musica, che tanto avrebbe contribuito, proprio grazie al nome di Claudio Abbado, a dare alla città di Ferrara grande prestigio internazionale come luogo di arte e cultura. In quell’occasione gli fu conferita dalla nostra Università, che stava celebrando il sesto centenario della fondazione, la Laurea Honoris Causa.

Il reciproco affetto tra il Maestro e i ferraresi si cementa nell’arco degli anni, grazie a una serie di memorabili rappresentazioni musicali. La favola musicale “Pierino e il Lupo”, di cui Abbado è protagonista alla fine del 1990 insieme a Roberto Benigni; la venuta a Ferrara dei Berliner Philarmoniker, di cui Abbado come abbiamo detto fu direttore artistico; poi dei Wiener Philarmoniker; un indimenticabile concerto – alla guida della Chamber Orchestra of Europe – con il grande Luciano Pavarotti; la messa in scena di numerose opere, soprattutto di Rossini e Mozart tra le quali – la vedete in queste immagini – una memorabile edizione del Flauto Magico di Mozart di cui fu spettatore il futuro presidente della repubblica Giorgio Napolitano, amico di antica data del maestro milanese. E ancora numerosissimi concerti nell’arco di tanti anni, spesso alla guida di orchestre giovanili che Abbado amava particolarmente.

L’amicizia e l’affetto tra Ferrara e Claudio Abbado è un legame che negli anni non si è mai spezzato: fatto di reciproca stima, affetto, grande musica.

[flv image=”https://www.telestense.it/img-video/pollini.jpeg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/20012014_abbado.mp4[/flv]

Un pensiero su “In teatro con Pollini dopo il sisma: l’amore del Maestro Abbado per Ferrara – VIDEO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *