Infrastrutture a Ferrara: strade, cavalcavia e manufatti ok. Ispezione ponte sul Po sulla A13

Tavolo di coordinamento provinciale presieduto dal Prefetto per fare il punto sullo stato di consistenza delle infrastrutture e di conservazione dei manufatti stradali Preannunciato da Società Autostrade per l’Italia l’avvio di un progetto pilota per le verifiche ispettive sul ponte sul fiume Po in A13

Nel corso della mattinata odierna, a palazzo don Giulio d’Este, il Prefetto Michele Campanaro ha presieduto il tavolo di coordinamento provinciale convocato, su indicazione del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, in stretto raccordo con il Ministero dell’Interno per i profili di sicurezza stradale, per fare il punto sullo stato del sistema viario provinciale e delle attività di vigilanza sulla manutenzione delle infrastrutture e dei manufatti stradali, anche alla luce delle recenti criticità emerse lungo la rete nazionale. Una ricognizione che discende dalla esigenza di attualizzare le indicazioni ministeriali del 1967 alla luce di più innovativi sistemi di rilevazione strumentale (come georadar, laser-scan, ultrasuoni, indagini sismiche ed endoscopiche), per rendere più efficace la individuazione di rischi incombenti che possono gravare sulle singole strutture stradali da esaminare.

Hanno partecipato alla riunione la Presidente della Provincia Barbara Paron, l’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Ferrara Andrea Maggi, l’ingegnere Barbara Lodi del Compartimento ANAS per l’Emilia-Romagna, l’ingegnere Marco Da Parè della Direzione III Tronco Autostradale di Autostrade per l’Italia spa, il Questore Cesare Capocasa, il Comandante Provinciale dei Carabinieri Gabriele Stifanelli, il Comandante provinciale interinale della Guardia di Finanza Filippo Ruffa, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco Antonio Marchese, il Comandante della sezione di polizia Stradale di Ferrara Marco Coralli e la responsabile dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile – Area Reno e Po di Volano Alceste Zecchi.
Dall’incontro odierno, che ha consentito di avviare un condiviso monitoraggio sullo stato di conservazione e sulla manutenzione delle opere viarie del territorio ferrarese, in stretto raccordo con tutti gli Enti gestori, non sono emerse criticità o situazioni emergenziali in atto che richiedano interventi immediati, con limitazione della circolazione stradale.

In particolare, ANAS, per il tratto di competenza sulla superstrada Ferrara-Porto Garibaldi, ha evidenziato che su 5 delle 28 opere d’arte interessate saranno effettuate, finita la stagione estiva di massimo traffico veicolare, ispezioni approfondite per valutare l’effettivo grado di ammaloramento. E’ stato inoltre preannunciato l’avvio di un corposo piano di lavori sulle barriere, propedeutico agli interventi di asfaltatura.
Autostrade per l’Italia spa, cui compete la gestione di 12 opere principali e 30 cavalcavia sul tratto ferrarese dell’A13 e dei primi chilometri del raccordo Ferrara-Mare, ha segnalato che l’attività ispettiva si articola in verifiche trimestrali ed annuali, queste ultime più approfondite cui, se necessario, fanno seguito più accurate valutazioni ingegneristiche. Un importante intervento ispettivo sarà avviato fin dai prossimi giorni e riguarderà il ponte autostradale sul fiume Po, senza comportare comunque impatti sul traffico veicolare in superficie, in quanto effettuato con mezzi posizionati alla base del manufatto. Le metodologie applicate per i rilievi tecnici effettuati sull’infrastruttura, in collaborazione con qualificati laboratori e centri di ricerca universitari, costituiranno un progetto pilota da estendere al resto della rete di competenza.
La Provincia, che attualmente gestisce circa 850 chilometri di strade, compresi il 70% dei ponti di tutto il ferrarese, ha approntato un piano pluriennale, che tiene conto di una scala di priorità d’interventi, coerente con le risorse economiche a disposizione.
Il Comune di Ferrara, infine, ha preannunciato, tra gli altri, l’imminente avvio di lavori sul ponte di Via Ferraresi per un importo di 800 mila euro. Sono in corso, inoltre, valutazioni tecniche su tempi e fattibilità di lavori sul ponte di via Modena che, quando avviati, comporteranno la chiusura del manufatto per alcune settimane, con conseguente impatto sul traffico cittadino.

A chiusura dei lavori del Tavolo, il Prefetto ha rivolto l’invito a gestori e concessionari ad operare sempre di concerto per garantire costanti scambi di informazione e favorire, quindi, tempestivi interventi di regolazione del traffico per limitare al massimo il disagio dell’utenza in corrispondenza dei cantieri. “L’obiettivo – ha sottolineato il Prefetto – è creare una sinergia tra tutti gli Enti competenti, affinché sia garantita la massima sicurezza per i cittadini, attraverso controlli tempestivi e accurati e con l’impegno della pronta realizzazione di tutti gli interventi necessari. Per questo, il Tavolo di coordinamento insediato oggi avrà carattere permanente e verrà attivato periodicamente”.
“Lo scopo – ha concluso il Prefetto – è agire tempestivamente ed in via preventiva alzando il livello dei controlli da parte di tutti gli Enti competenti. Garantiremo la massima attenzione ed una azione di squadra, effettuando uno screening completo ed analitico del territorio, anche con il coinvolgimento di tutte le Amministrazioni comunali, a cui ho già chiesto nei giorni scorsi di fornire il loro prezioso apporto conoscitivo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *