Istituti tecnici superiori, le scelte della Regione

scuole superioriGli istituti tecnici superiori dell’Emilia Romagna continuano a dare ottimi risultati dal punto di vista occupazionale: nel 2014 quasi l’80% degli studenti diplomati all’interno di questi Istituti ha ottenuto un’occupazione, quasi sempre coerente con il corso di studi svolto.

Per questo la Giunta regionale ha approvato l’offerta formativa 2016-2017 della rete degli Istituti tecnici superiori dell’Emilia-Romagna, cofinanziata da risorse del Fondo sociale europeo e del Ministero dell’Istruzione. Il prossimo anno formativo, le 7 Fondazioni Its avvieranno in regione 16 percorsi biennali per acquisire il diploma nazionale di Tecnico superiore, due in più di quelli avviati a ottobre 2015. Ai percorsi, che partiranno entro il 30 ottobre, potranno partecipare 330 allievi a cui si richiede come titolo di accesso il diploma di scuola secondaria superiore. Sono confermati, tra gli altri, due percorsi della Fondazione Its “Territorio, energia, costruire” a Ravenna e Ferrara: il primo finalizzato a fornire competenze innovative in materia di impianti energetici, il secondo focalizzato sulla sostenibilità e sull’efficienza energetica delle costruzioni.

“I percorsi degli Its sono caratterizzati da una forte integrazione tra formazione in aula, realizzata prevalentemente da esperti provenienti dal mondo del lavoro, ed esperienze di stage in impresa– spiega l’assessore regionale alla Formazione e al Lavoro Patrizio Bianchi”. “Dobbiamo superare la fase della sperimentazione su piccoli numeri – aggiunge l’assessore Bianchi -. L’Emilia Romagna è pronta per il salto: gli Its della nostra regione debbono poter moltiplicare i loro iscritti per rispondere pienamente al bisogno di elevate competenze professionali delle imprese italiane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *