Jacques Lacan ‘Il desiderio come desiderio dell’Altro’: conferenza di Giuseppe De Vita il 24 settembre alle 17 all’Ariostea

Venerdì 24 settembre alle 17, presso la Biblioteca Ariostea, Via delle Scienze, 17 a Ferrara si terra una conferenza di Giuseppe De Vita (docente di Storia e Filosofia – Liceo Carducci di Ferrara) su Jacques Lacan ‘Il desiderio come desiderio dell’Altro’. Introduce Davide Ruggieri (Ricercatore Senior Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Bologna).

Per Cartesio l’uomo è sovrano dei suoi pensieri: l’io coincide con la coscienza. È il mantra della modernità. Tre secoli dopo, Lacan, invece, dal maestro Freud apprende che l’«io non è padrone a casa sua». Tramonta un’epoca. Lo psicoanalista e filosofo non solo scaccia l’io dal trono, ma ne fa un servo: l’uomo non è affatto un soggetto, ma è assoggettato; da quando emette il primo frigno, è in effetti in balia del desiderio dell’altro. Il desiderio sorge e si agita alle spalle dell’io, è una forza che emerge in un’altra scena, quella dell’inconscio. Diceva il parigino Lacan: «ça parle», qui qualcosa parla, con un linguaggio-rebus composto da sogni, da sintomi e lapsus. L’io è dunque follia; «non è altro che un sintomo privilegiato all’interno del soggetto. È il sintomo umano per eccellenza, la malattia mentale dell’uomo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *