Jolanda di Savoia, traffico di cani e frode: sequestrati 105 cuccioli di cane – VIDEO

Traffico illecito di cani e frode nella vendita. Sequestrati 105 cuccioli: erano ben tenuti ma avevano un microchip serbo e non erano iscritti all’anagrafe canina italiana. Indagine dei carabinieri di Copparo e della forestale di Argenta. Due gli allevamenti finiti nell’inchiesta: uno a Jolanda di Savoia, l’altro a Gambulaga di Portomaggiore


Vendevano cuccioli di cani ingannando gli acquirenti che poi si trovavano con animali di altre razze e non quelle scelte per il loro pedigree. Un truffa bloccata dai carabinieri e dagli uomini della forestale, con quatto persone denunciate. A finire nei guai due uomini e due donne, di nazionalità serba ed italiane che gestivano due allevamenti di cani: uno a Jolanda di Savoia, praticamente abusivo allestito in una casa colonica, e l’altro invece regolare, a Gambulaga nel comune di Portomaggiore.

Un’indagine avviata a maggio e che si è conclusa in queste ore con il sequestro di 105 cani: cuccioli di Boston Terrier, Bulldog Francese, Golden Retriever e Labrador, tutti ben tenuti, non maltrattati, ma con microchip serbi e non iscritti all’anagrafe canina italiana. Un giro d’affare imponente: Il costo per l’acquisto di un cucciolo variava dai mille ai milleottocento euro, con una caparra di ottocento euro.

I quattro ora dovranno rispondere di traffico illecito di animali e frode in commercio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *