JU JITSU: Rovigatti – Maggio che carriera…

Successi e consensi in tutto il mondo

Due atlete di notevole caratura, Alice Rovigatti e Lara Maggio: campionesse di Ju Jitsu e nella vita che, attraverso i loro risultati, possono essere considerate di diritto un esempio a tutto tondo. “Io e Lara abbiamo iniziato a gareggiare all’età di 9 anni”, incalza Alice Rovigatti, “disputando inizialmente competizioni regionali ed interregionali. Crescendo siamo passate dalla Gara Tecnica al Duo System, il tipo di gara ufficiale riconosciuto a livello nazionale ed internazionale”. Inizia così un percorso meraviglioso che ha visto entrambe centrare traguardi incredibili, frutto della loro dedizione: un secondo posto ai Campionati Italiani a Celano nel 2012; la prima esperienza in Nazionale Italiana, nel 2014, con la convocazione per partecipare ai Campionati Europei a Lund (Svezia); sempre nel 2014 la conquista del titolo di Campionesse Italiane a Ruvo di Puglia, titolo che ha portato Rovigatti e Maggio alla seconda convocazione in Nazionale. Nel 2015 la conquista ad Atene della medaglia d’oro ai Campionati Mondiali (categoria U18); nel 2016 nuovamente Campionesse Italiane e terza convocazione in Nazionale per i Campionati Mondiali (categoria U21) a Madrid centrando un settimo posto nel Duo System ed un terzo posto nel Duo Show. La quarta convocazione in Nazionale nel 2017 per i Campionati Mondiali U21: secondo posto nel Duo System e terzo nel Duo Show. Nel 2018 la quinta convocazione in azzurro per i Campionati Mondiali U18 ad Abu Dhabi, ottenendo un terzo posto. Ad ottobre di quest’anno la disputa dei Campionati Europei a Calderara di Reno per l’ultima gara nella categoria U21 e, probabilmente, anche della loro strepitosa carriera agonistica. Il risultato? La conquista della medaglia d’oro nel Duo Show. “Solitamente si ricordano con piacere gli incontri andati a buon fine”, il pensiero univoco delle due campionesse, “ma anche le esperienze negative possono portare a grandi risultati se vengono metabolizzati nel modo giusto; non bisogna mai abbattersi e scoraggiarsi. Che cosa ci portiamo dentro da ogni singolo incontro disputato? Una grande carica! Che si tratti di incontro vinto o perso, alla fine si ha sempre tantissima adrenalina in circolo. È una sensazione difficile da spiegare! Va provata”. La conclusione non può che essere significativa per queste atlete che hanno scritto pagine significative e che attraverso i loro abbracci, le loro gioie, le lacrime, i successi e le sconfitte, lasceranno un segno indelebile. “Sul tatami siete una cosa sola: è una frase che ci ha detto una ragazza a Rieti durante una gara e per chi fa duo non può sentirsi dire complimento migliore”. Alice Rovigatti e Lara Maggio, un duo che ci ha fatto davvero emozionare parecchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *