JU JITSU: il percorso di Alessia Rovigatti

Ora istruttrice cintura nera 3° Dan

Alessia Rovigatti ha iniziato a praticare Ju Jitsu da piccolina. Ora è Istruttrice cintura nera 3°DAN ed atleta di interesse nazionale che ha partecipato a diverse competizioni nazionali ed internazionali. Insegna nella palestra di Mirabello, insieme alla sorella Alice (anche se i corsi sono fermi a causa della pandemia). “Nel mio percorso ho sempre incontrato Insegnanti qualificati in grado di farmi appassionare, nonostante la mia tenera età”, incalza Alessia. “Il mio intento, da Istruttrice, è quello di trasmettere ai più piccoli ciò che conosco di questa disciplina, passando per la consapevolezza del proprio corpo e della propria mente.” Una dedizione per i bambini non solo sulla materassina. “Sono al 2°anno di Scienze della Formazione Primaria a Bologna. Insegno alla scuola dell’Infanzia “Alighieri” facente parte dell’IC “Il Guercino” di Cento. Per adesso ho un contratto a tempo determinato fino a fine anno scolastico ed ho iniziato ad ottobre. Il mio ruolo – attualmente – è di affiancamento alle Insegnanti. Vista la situazione Covid-19 svolgo un orario ridotto per pochi giorni alla settimana, ma questo mi permette ugualmente di creare rapporti con i bambini. Nella mia sezione sono in 21, alcuni con Bisogni Educativi Speciali con relativi Docenti ed Insegnanti per rimanere nelle bolle (per la pandemia). Naturalmente le disposizione e le normative vengono rispettate scrupolosamente da parte di tutti. Essendo io una risorsa in più, quando sono presente, cerchiamo di dividere gli alunni in piccoli gruppi e fare attività specifiche per le età.” Un’esperienza, diunque, per svolgere una formazione a tutto tondo…. integrando lo studio al lavoro sul campo. “È molto importante per me” – riprende Alessia Rovigatti – “avere questa possibilità. Rappresenta un’occasione di crescita, sia personale che lavorativa. I bambini sono fonte di ispirazione per quanto riguarda la loro leggerezza e la loro capacità di adattamento. Loro mi trasmettono quella felicità genuina di voler imparare, quella semplicità tipica della loro età. Ed io – dalla mia parte – spero di trasmettere loro l’importanza dell’educazione, del rispetto a noi stessi e per gli altri senza dimenticare l’importanza di crescere con una mentalità aperta, di sviluppare l’empatia e di ascoltare sempre le emozioni. È importante dare ad ogni bambino il proprio tempo, di ascoltare i loro bisogni e di porre attenzione alle loro capacità emergenti per aiutarli a svilupparle.” Per il futuro? “Spero di terminare in tempo l’Università”, conclude Alessia, “e continuare ad avere la possibilità di lavorare nel settore per ampliare la mia formazione.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *