JUJITSU SHINSEN: quattro medaglie da Atene

In una rassegna internazionale a cui hanno preso parte oltre mille atleti

Gli atleti del jujitsu Shinsen vincono un argento e tre bronzi ad Atene a quella che è una delle più importanti manifestazioni sportive internazionali di jujitsu: oltre mille atleti con rappresentaze da tre continenti. La prima medaglia arriva Venerdì 20 ed è per il giovanissimo Luca Campanini (Pieve di Cento) che, nella World Cup U15, dopo aver superato ottavi e quarti, vince la finalina contro il Russo nella -34 kg. Poi è il turno di Adam Namouchi (Pieve di Cento) che con quattro splendidi incontri si mette al collo la medaglia più preziosa della giornata per la squadra blu e oro nella lotta a terra -62 kg juniores. Un altra medaglia di aggiunge con la coppia Andrea Fais e Denis Pisu, bronzo nel duo Show misto, due atleti della scuola sarda degli Shardana di Carbonia che hanno gareggiato a questa competizione come SHINSEN. Ma le competizioni non sono finite: sabato 21 Elisa Marcantoni (Cento) conferma la prestazione ottenuta ai mondiali juniores di Abu Dhabi conquistando il bronzo nel combattimento -70kg. Oltre alle quattro medaglie la scuola blu e oro ha ben figurato con Matteo Forzatti (Lagosanto), Federico Maroni (Altedo), Nicole Romagnoli (Volta Reno), Linda Marangoni (Castelmassa) e Daniele Campanini (Pieve di Cento).

Prossimo appuntamento ai Campionati Europei juniores di fine ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *