KAOS: le riflessioni di Capurso dopo il ko di Asti. Troppi errori gratuiti secondo il tecnico della squadra ferrarese

IMG_9164 CapursoIl primo tempo chiuso in parità aveva lasciato ben sperare, la ripresa ha confermato la supremazia di Asti. Dopo il 4-0 e l’eliminazione dalla Winter Cup, resta una sola partita al Kaos da giocare prima della pausa per gli Europei. Sabato 11 gennaio al PalaMit2B arriverà Pescara nella prima giornata di ritorno, ci sarà poi il lungo stop per gli impegni della Nazionale. “Ancora una volta ci ritroviamo a commentare un risultato che secondo me è bugiardo per quello che si è visto in campo: fino alla fine siamo rimasti in partita. Nel primo tempo com’era giusto che fosse – ripercorre la gara il manager del Kaos, Leopoldo Capurso – Asti ha tenuto il pallino del gioco anche se è stata poco pericolosa, tranne che con una traversa verso la fine, mentre noi ci siamo fatti vedere con qualche ripartenza. Chiuso il primo tempo sullo 0-0, abbiamo preso subito gol: eravamo venuti ad Asti per cercare di mettere in difficoltà il loro portiere, Casalone, con la palla lunga e invece Casalone le prendeva tutte e alla prima palla lunga dei nostri avversari c’è stato questo malinteso tra Vinicius e Laion che li ha portati in vantaggio. Casalone, poi, ha parato due tiri quasi a porta vuota, quando eravamo lì per poterla pareggiare, eravamo in partita e stavamo giocando bene. Non siamo, però, riusciti a segnare e abbiamo preso il 2-0 su un tiro deviato sfortunatamente da Jeffe. Abbiamo provato col portiere di movimento, creando qualche situazione favorevole, ancora una volta però non abbiamo fatto gol e invece ne abbiamo presi due con errori simili a quelli subiti in trasferta con la Luparense”.

Il Kaos è reduce da quattro sconfitte contro due big (con Asti e Luparense) nelle ultime sei partite, in cui le due vittorie sono arrivate contro i ragazzini della Marca. Chiusa l’avventura in Winter Cup, ora, si riparte con il campionato. “Dispiace – prosegue l’allenatore dei neri – perchè la squadra tatticamente ha giocato bene, dal punto di vista individuale ci sono stati degli errori veramente grossolani che hanno determinato questa sconfitta. Andiamo avanti, dopo aver perso contro una signora squadra, consapevoli di poter crescere e speriamo di farlo il più presto possibile”. Pescara, ultima in classifica, sarà l’ultima sfida prima della sosta: occorre necessariamente una vittoria per sbloccarsi in casa e invertire il trend. “Dobbiamo sbloccarci in casa e cerchiamo di fare questo risultato che ci può aprire tante prospettive, per un girone di ritorno che deve essere sicuramente all’altezza delle aspettative e del valore di questa squadra. Spero che non si ripetino ancora una volta questi errori, purtroppo sembra un ritornello, ma dobbiamo lavorare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *