L’armonia nascosta alla MLB Home gallery

Inaugurata sempre oggi alle 18 anche la mostra di Sabrina Torelli dal titolo L’armonia nascosta.

“Un omaggio, dicono l’artista e la curatrice, Maria Livia Brunelli, al giardino di Joaquín Sorolla”, ma anche l’incontro con una artista di grande profondità e di fama internazionale. Questa mattina l’anteprima concessa a Telestense ha riservato diverse scoperte, che non mancheranno di suscitare l’interesse della città. Il catalogo della mostra sarà disponibile a breve presso la galleria, mentre la mostra è visitabile tutti i sabati e le domeniche dalle 15 alle 19 tramite visite guidate gratuite (gli altri giorni su appuntamento) fino al 27 maggio.

Eravamo abituati all’originalità delle iniziative della MLB Home Gallery, ai fitti richiami fra arte e società presenti nelle mostre curate dalla sua direttrice, ma l’artista che Maria Livia Brunelli ci permette di conoscere attraverso la mostra inaugurata oggi dal titolo l’armonia nascosta – una mostra legata al tema della luce e dei giardini di Joaquin Sorolla – rappresenta davvero un’occasione importante per la città. il giardino , dice Sabrina Torelli, autrice della mostra e una delle artiste più interessanti della sua generazione, selezionata anche per il prestigioso International Studio Program del P.S.1 di New York”, è la sede in cui si manifesta al meglio l’energia universale, quell’“armonia nascosta” contenuta nella natura che dovrebbe tornare ad essere il punto di riferimento fondamentale per l’uomo.

La ricerca sul rapporto tra uomo e natura di Sabrina Torelli, che ha scelto la nostra galleria per presentare questa serie di lavori inediti, spiega Maria Livia Brunelli, è molto attuale e perfettamente in sintonia con altre nostre iniziative, come i grandi animali in via di estinzione di Stefano Bombardieri (protagonista di The faunal countdown), e i grandi disegni a Bic di Marcello Carrà.

Fra le sorprese della mostra, accanto a Sabrina Torelli, una installazione sonora realizzata grazie all’aiuto di una musicologa scomparsa, che ha dedicato insieme al suo compagno dieci anni di appassionata ricerca allo studio della “musica delle piante e un un finger food davvero speciale: ideato, in collaborazione con il negozio “La Badessa”, specializzato in prodotti provenienti da diversi monasteri italiani: piccole opere d’arte da mangiare ispirate al tema del giardino e della natura, in modo da far riflettere gli spettatori anche attraverso il cibo.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120316_03.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *