La Bandeandrè sul palco del Teatro Barattoni di ostellato con il concerto-spettacolo ‘Caro Fabrizo’

Ultimo appuntamento della stagione al Teatro Barattoni: domani, sabato 12 giugno, sul palco del teatro di Ostellato ripartirà il live tour della Bandeandré, apprezzatissima formazione che propone un originale concerto spettacolo ispirato alla musica ed alla poetica del cantautore genovese. Un viaggio in musica che vuole raccontare Fabrizio De Andrè, poeta e musicista, ma anche uomo in mezzo ad altri uomini.

Le canzoni dei suoi inizi, fino a quelle del suo ultimo album, ci permettono di apprezzare l’impegno coerente di tutta la sua vita: raccontare e difendere gli ultimi contro l’arroganza di qualsiasi potere. In pochi anni la Bandeandrè ha riscosso un grande successo di pubblico e critica affermandosi come una delle più significative esperienze di musica dal vivo legate al cantante genovese.

Il concerto, ricco di significati profondi e veicolo di grandi emozioni, offre una splendida occasione per riassaporare l’opera e la poetica di un artista che ha lasciato tracce indelebili nella musica d’autore italiana. Gli arrangiamenti, particolarmente raffinati e curati, vedranno protagonisti sul palco Gianluigi Tartaull (voce e chitarra), Nazzarena Galassi (voce), Caterina Sangiorgi (flauti e voce), Stefano Fabbri (percussioni), Raimondo Raimondi (chitarra, mandolino, mandola), Giacomo Sangiorgi (basso elettrico) e Luca Vassura (fisarmonica).

L’inizio dello spettacolo è previsto per le ore 21. I biglietti sono in vendita on line sul sito www.sipariostellato.it e nelle rivendite del circuito VivaTicket. Nella giornata di spettacolo la biglietteria aprirà alle ore 19. Abbonati e spettatori in possesso dei titoli di accesso per l’evento della scorsa stagione potranno recarsi in teatro per assistere allo spettacolo con i tagliandi in loro possesso (che saranno sostituiti all’ingresso).

L’evento è realizzato da Bialystok Produzioni in collaborazione con l’associazione il Ragno d’Oro, sotto la direzione artistica di Massimiliano Venturi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *