“La Costituzione è la grande incompiuta” perché cambiarla?

Salvatore Settis

Salvatore Settis a Ferrara , cita Piero Calamandrei e si schiera con passione in difesa della Costituzione, “via maestra “ per la democrazia.

Più di 200 associazioni e personalità di primo piano della cultura, della politica, della società civile sono scesi in piazza a Roma sabato 12 ottobre per difendere la Costituzione dalle modifiche che vorrebbero stravolgerla. Fra gli aderenti all’iniziativa, anche lo storico dell’arte e archeologo Salvatore Settis, che a Ferrara per la riapertura temporanea del Teatro Verdi ha difeso in modo lucido e appassionato la Carta Costituzionale.

La Costituzione uscita dalla Resistenza ci riconosce dei diritti, perché cambiarla? La Carta Costituzionale è la “Via maestra” della democrazia, dice lo storico dell’arte, i tentativi di cambiarla non si giustificano con la volontà di attuarli, ma di ridurli!” ed esorta a leggere le motivazioni addotte dal Governo Letta per giustificarne il cambiamento.

Sotto i riflettori di Settis le affermazioni di JP Morgan che a fine maggio,

criticò le Costituzioni dell’Europa mediterranea, nate dall’Antifascismo, bollandole come superate e troppo intrise di Socialismo.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *