“La Cultura unisce il Mondo”. G20 Cultura, Roma 29 e 30 Luglio

 

“Credo che il G20 Cultura sia una straordinaria opportunità non solo per l’Italia ma per l’Agenda del G20.” Così il ministro Dario Franceschini ha annunciato in conferenza stampa la due giorni della cultura che si terrà nell’ambito del G20 a presidenza italiana a Roma il 29 e il 30 luglio. E’ il riconoscimento, ha aggiunto il Ministro, del valore della Cultura come elemento di connessione fra i popoli e volano di sviluppo economico

.

La Cultura unisce il mondo è il motto attorno cui ruoterà il G20 Cultura, che porterà al centro dell’attenzione dei ministri della cultura dei  vari Paesi presenti, oltre che dei rappresentanti dell’Unione Europea, il sostegno e la tutela dei lavoratori della cultura dopo la pandemia, la protezione del patrimonio culturale dalle calamità naturali, dalle crisi e dal traffico illecito, inclusi i Caschi Blu della Cultura Italia-UNESCO;  la formazione culturale come investimento nel capitale umano, il contributo delle industrie culturali e creative, in particolare del digitale, alla crescita. E’ una svolta, ha sottolineato il Ministro, che l’Italia opera ponendo la cultura, non più come fatto marginale dello sviluppo e della crescita, ma  come elemento centrale dell’uscita dalla crisi indotta su più fronti dalla emergenza pandemica e della ripartenza mondiale”.

A conclusione dei lavori verrà firmata e adottata la Dichiarazione Finale dei Ministri della Cultura del G20

Dario Franceschini già a novembre, al G20 cultura sotto la presidenza dell’Arabia Saudita, aveva ricordato come  la cultura e il turismo, che insieme rappresentano il 20% del PIL italiano e che sono  stati tra i settori maggiormente colpiti dalle conseguenze della pandemia,  possano costituire ” le fondamenta di una rinascita basata sulla tutela del patrimonio culturale sia dalle minacce tradizionali, come i conflitti, il terrorismo e il traffico illecito, sia da quelle emergenti, come il cambiamento climatico e  le sfide poste dall’uso di nuove tecnologie e dalla rivoluzione digitale” anticipando  i temi all’o.d.g. del  G 20 italiano. I valori universali della cultura, in sostanza,  non solo creano le condizioni del dialogo fra i popoli, ma favoriscono una risposta davvero globale alla crisi globale innescata dal virus.

 L’avvio dei lavori è previsto nell’Arena del Colosseo alle ore 19.00 di giovedì 29 luglio, alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi, del Ministro della Cultura Dario Franceschini e della Direttrice Generale dell’UNESCO Audrey Azoulay.

Oltre ai ministri facenti parte del G20, all’incontro di Roma parteciperanno anche alcune tra le più importanti organizzazioni internazionali: la United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization (UNESCO), il Centro internazionale di studi per la conservazione e il restauro dei beni culturali (ICCROM), l’International Council of Museums (ICOM), l’International Council on Monuments and Sites (ICOMOS), l’International Criminal Police Organization (INTERPOL), l’Organization for Economic Co-Operation and Development (OECD), l’Union for the Mediterranean (UfM), l’United Nations Office on Drugs and Crime (UNODC) e la World Customs Organization (WCO).

La RAI seguirà la diretta della cerimonia di apertura al Colosseo, che sarà trasmessa anche sul canale youtube del MiC.

Il programma

ORE 18:00 – 19:00
Colosseo | Lato Sperone Stern
Arrivo delle trentasei delegazioni
con accompagnamento della Banda musicale dell’Arma dei Carabinieri
• ORE 19:00 – 20:00
Cerimonia di apertura – Arena del Colosseo
Intervengono
Il Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi
Il Ministro della Cultura Dario Franceschini
La Direttrice Generale dell’UNESCO Audrey Azoulay
Il Direttore del Museo Egizio di Torino Christian Greco
Palazzo del Quirinale | Diretta Rai 1
• ORE 20:40 – 21:00
Concerto dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini diretta dal M° Riccardo Muti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *