La fiction ‘ferrarese’ con Anna Valle e Giorgio Pasotti da stasera su Rai 1

Stasera alle 21,25 circa, prima puntata della fiction – girata a Ferrara la scorsa estate – “Lea un nuovo giorno” (titolo modificato rispetto al precedente “Lea e i bambini degli altri”), con, tra gli altri, Anna Valle, Giorgio Pasotti e Mehmet Günsür. La regìa è di Isabella Leoni. Figurazioni e comparse sono state selezionate innanzitutto nel territorio ferrarese da Rebecca Bottoni (citata anche nei titoli di coda) volto noto anche come presidente del Ferrara Buskers Festival, che in questo caso avrà il ruolo tecnicamente chiamato AOSM (cioè di organizzazione delle cosiddette ‘scene di massa’).

La serie sarà trasmessa su Rai1 in prima serata per quattro martedì e racconta – come anticipa il sito Raiplay – la storia di un’infermiera specializzata (Lea, interpretata da Anna Valle) che, dopo un momento difficile, fa ritorno al reparto di pediatria dell’ospedale di Ferrara. Grazie alla sua grande forza Lea riesce a trasformare un grande dolore in un dono speciale che le consente di empatizzare con i piccoli pazienti e i loro familiari, ma la sua vita non è avara di sorprese: tornata a lavoro, infatti, deve misurarsi con la presenza del suo ex marito, nuovo primario del reparto, e l’incontro con un affascinante musicista. A questo link Raiplay mette a disposizione del pubblico alcune sequenze del backstage: https://www.raiplay.it/programmi/lea-unnuovogiorno

La messa in onda della nuova coproduzione Rai Fiction-Banijay Studios Italy è stata anticipata anche nel corso del festival di Sanremo. Proprio dal palco dell’Ariston il 4 febbraio, poco dopo la mezzanotte, Anna Valle ha spiegato: “Quella che raccontiamo è la storia di persone che, come tutti gli esseri umani, cercano la loro felicità, ma in realtà la cosa che sanno fare meglio è entrare in empatia con i loro piccoli pazienti e dar loro, e alle loro famiglie, la serenità. Parliamo di bambini, con tantissime e bellissime storie e sorrisi”. La serie – ha sottolineato Valle – “sarà in qualche modo anche il nostro ringraziamento a infermieri, medici, operatori socio sanitari che, soprattutto negli ultimi due anni, sono stati e stanno accanto alle famiglie in momenti difficili”. La fiction ha il sostegno del Fondo Audiovisivo della Regione Emilia-Romagna e la Film Commission regionale ha accolto e accompagnato la produzione nella scelta dei territori coinvolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.