La Fruvit ritrova il sorriso

Superata 3-1 Spakka Verona

Alla ripresa del campionato la Fruvit torna al successo. Per il sestetto rodigino arrivano tre punti al termine del confronto interno con Spakka Verona.

G.S.Fruvit Rovigo – Spalla Volley Villa Bartolomea (Vr) 3-1 ( 26-24, 14-25, 25-23, 25-23)

Fruvit: Coltro (10), Ferrari (2), Ghiotti (4), Berasi (1), Toffanin (2), Battistella (2), Ferroni n(19), Bolognesi (18), Casprini (9), Giardini, Fyda Negrato (L). Allenatore: Breviglieri. Vice allenatore: Albini

Spakka Volley: Coscia (16), Angelini (3), Marangoni (4), Motteran (1), Marini (9), Sajin E. (3), Pintani (9), Sajin D. (7), Ramarro, Permunian, Borin, Tempo, Strazzer (K). Allenatore: Timpone. Vice allenatore: Carretta.

E’ stata una partita tirata, entrambe le formazioni, venivano da una sconfitta, entrambe avevano bisogno di conferme, sull’impostazione di gioco, sullo stato della squadra.

Incontro dall’andamento sinusoidale, dove il risultato finale non era per niente scontato. La battuta Fruvit, ha prodotto meno punti rispetto a come la squadra di Breviglieri ci ha abituato, facendo molto meno punti diretti.

Riconoscendo allo Spakka una buona ricezione, e un’ottima difesa, che come dice coach Breviglieri, “è il termometro dell’agonismo, quando vai su tutti i palloni come hanno fatto loro, per l’altra squadra è difficile ”, ne è uscita una partita combattuta in tutti i set, tranne il secondo, dove Spakka ha predominato, su una Fruvit incapace di imbastire le azioni di attacco, mostrando una ricezione e una difesa non all’altezza.

Veronesi mai dome, con una grande rimonta nel quarto set, dove hanno sfiorato il tie break.

Breviglieri schiera la formazione classica: Ferrari, Ferroni, Bolognesi, Casprini, Coltro, Toffanin, Negrato Libero, a disposizione: Bertasi, Battistella, Fyda, Ghiotti, e il nuovo arrivo Giardini.

Fruvit parte alla grande nel primo set, 8-4, sempre di quattro punti il distacco il 13-9 è di Ferrari direttamente su battuta.

Spakka mette a segno due attacchi consecutivi con Coscia (la migliore della sua squadra) e si porta sotto, raggiunge il 15-13. Fruvit sta subendo il ritorno delle veronesi, che pareggiano a 16 con un muro a due su Casprini.

Breviglieri la cambia con Battistella, ma è sempre lo Spakka che passa in vantaggio grazie ad un attacco fuori di Ferroni. Time out Fruvit, Coach Breviglieri chiede più attenzione in difesa, e precisione in attacco, al rientro è la stessa Ferroni che piazza un diagonale, ed è ancora Ferroni che pareggia con un ace.

Sul contrattacco successivo è Pintani che riporta in vantaggio lo Spakka, è Bolognesi che impatta di nuovo, e porta in vantaggio Fruvit, 20-19.

Il punteggio torna in parità sulla battuta a rete di Battistella, Breviglieri chiude il cambio , rientra Casprini sul 23 pari, Ferroni segna il 24-23.

Il set ball è annullato dalla cattiva difesa giallo nera, 24 pari, Spakka sbaglia la battuta tirando lungo, Coltro invece si aggiudica il set su battuta diretta .

Nebbia fitta nel secondo set per Fruvit, la difesa è inguardabile, l’attacco impreciso, ne approfitta lo Spakka, 3-8, le padrone di casa continuano a subire gli attacchi veronesi senza reazione, dall’altra parte del campo Coscia e Marini imperversano e si ritrovano con un vantaggio di otto punti, 4-12.

Non c’è reazione da parte di Fruvit, sul 6-16 Breviglieri fa entrare Berasi in regia, c’è una minima ripresa, ma ormai il set è “malato”, sull’11-18 è Timpone a chiamare il time out.

Sono Pintani e Sajin Doina che permettono allo Spakka di allungare ancora, le veronesi vedono l’obiettivo avvicinarsi, e lottano su tutti i palloni, a differenza delle giallo nere, sino alla fine del set sono solo tre i punti che Fruvit riuscirà a segnare.

Partenza punto a punto nel terzo set, le padrone di casa sembrano più concentrate, l’inizio fa presagire lo stesso andamento del primo, però stavolta a inseguire è Fruvit, 5-8.

Il pareggio arriva a 11 con Ferroni, sempre lei mura il contrattacco successivo, le veronesi sono tenaci, difendono tutto, Casprini segna il 14-13, Bolognesi il 16-15 e il 20-18. Timpone chiede tempo, e lo richiede sul 23-20, ottenendo una reazione immediata, 23-22, costringendo Breviglieri a chiamare a sua volta il time out. Sul 24-22 Casprini tira fuori, mentre è Ghiotti a chiudere il set.

Il quarto parziale vede un buon inizio di Fruvit in battuta, Bolognesi e Coltro vanno sul 5-1 Costringendo L’allenatore ospite a spezzare il ritmo avversario.

Le padrone di casa sembrano galvanizzate, macinano punti su punti, sino a un vantaggio di più undici, 16-5, poi…rilassamento completo.

Lo Spakka, con Coscia, Marini e Pintani, infila una serie di punti paurosa, grazie ad una difesa giallo nera annebbiata si riporta sotto, 18-13.

Il 19-13 è di Ferroni, che poi va in battuta, sul contrattacco Bolognesi non tiene la difesa, come non tiene la battuta successiva Negrato, 19-15. Il 20-16 è di Ferroni, il successivo è di Bolognesi dopo uno scambio lunghissimo, Ghiotti non riesce a piazzare un “rigore” a muro.

Motteran piazza il suo unico punto sul lungo linea, Bolognesi risponde da posto quattro con una diagonale potente, 22-18, e replica subito dopo alla stessa maniera, viene murata sul 23-19, il muro vincente di Coltro, su azione lunghissima, è il punto numero 24.

Il match ball è nelle mani di Ferrari in battuta, ma va a rete, Ferroni da posto quattro tira lunghissimo, 24-21,  è murata nell’azione successiva, 24-22.

E’ di Pintani l’attacco vincente del 24-23, ora la quinta palla match viene servita a Ferroni, che con un potente diagonale, finalmente chiude l’incontro.

A fine partita Breviglieri si dimostra soddisfatto per come la sua squadra ha portato a casa il risultato: “ A questo punto, per il gioco che stiamo esprimendo ora, aver guadagnato i tre punti va più che bene, mi sembra abbastanza evidente che il nostro gioco non è quello di prima.

A onor del vero abbiamo incontrato una squadra che ha difeso praticamente tutto, una bella prestazione in difesa, in attacco hanno faticato più o meno come noi.

Abbiamo sbagliato tanto nei primi due set, mi meraviglio di come abbiamo fatto a vincere il primo, perché abbiamo commesso una cosa come quindici errori punto, che sono un’infinità.

Sugli altri set ho poco da dire, il secondo lo abbiamo perso nettamente, nel quarto siamo partiti con un grande vantaggio, poi le cose ci sono sfuggite di mano, e ci abbiamo messo troppa leggerezza.

Alla fine ci è venuto il “braccino corto”, quando l’avversario ottiene un grande recupero, diventa difficile restare freddi come lo è stato nella prima parte.

 

Voglio fare i complimenti a Federica Bolognesi, perché stasera ha disputato una grande partita, in questo momento le sue condizioni non sono ottimali, quindi giocare cosi questa gara, per noi è stato molto importante.

Vedo una Casprini sfiduciata perché non può forzare, però lei è importante lo stesso, anche se non può attaccare bene, è il nostro miglior giocatore a muro, riceve discretamente, difende bene, deve avere pazienza, e capire che se non è determinante in attacco, lo è in altri fondamentali.

Tre punti in queste condizioni, come si dice è “grasso che cola”. Sono contento anche perché sabato scorso abbiamo preso una brutta botta con Mantova. Ora con l’arrivo di Katileny Giardini, ho dodici giocatrici, ci verrà utile, potrò dare respiro a Ferroni, all’occorrenza anche a un posto quattro, a muro ha dei centimetri. Mi sembra che abbia molta voglia di fare, ora è un po’ presto, è stata ferma per più di un mese, ma si sta impegnando.”

Fruvit resta al quarto posto con 25 punti, sabato prossimo si chiude il girone di andata, la formazione di Rovigo, sarà in trasferta a Montecchio Maggiore (Vi) avversario di turno il San Vitale, diretta inseguitrice, a meno quattro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *