La nuova Piazza Cortevecchia al centro delle polemiche

E’ diventato un caso politico la nuova pavimentazione di Piazza Cortevecchia, contraddistinta – nell’area pedonalizzata – da riquadri con colorazione in rosso. Una scelta estetica che sembra non piacere a molti ferraresi, tanto che sui social network, in poche ore, sono stati numerosi i post ironici che associano l’immagine ad una scacchiera. Nessuna parte politica sembra assumersi la responsabilità della pavimentazione.

Nella serata di mercoledì 31 luglio, l’ex-assessore ai lavori pubblici Aldo Modonesi era intervenuto dichiarando “Ma se la nuova piazza Verdi è stata definita una colata di cemento, allora come definiamo la nuova Piazza Cortevecchia? Spero vivamente che nell’intervento definitivo si faccia riqualificazione vera, altrimenti era quasi meglio lasciare il parcheggio”.

L’attuale assessore Andrea Maggi ha replicato, attraverso un comunicato diramato da CronacaComune, dove sostiene: “Il progetto per la parte pedonale di piazza Cortevecchia è stato ideato dalla giunta Tagliani. I lavori nella piazza li abbiamo trovati già avviati, all’indomani del nostro insediamento, con l’area bloccata dalle ruspe e con l’urgenza di concludere, anche in vista dell’avvio del Ferrara Buskers Festival”.

Maggi sostiene che il risultato non sia all’altezza del bellissimo centro storico della città, ma si tratta di un lavoro provvisorio, al quale saranno apportate migliorie. Secondo la ricostruzione dell’attuale assessore, dunque, sia la scacchiera sia la sua colorazione erano sostanzialmente già previste. CronacaComune pubblica la cronistoria del progetto, il cui fulcro starebbe nel mese di aprile.

Secondo quanto diffuso dall’organo del Comune di Ferrara, l’ex-sindaco Tagliani avrebbe chiesto agli uffici del Servizio Infrastrutture di sottoporgli una proposta per la sistemazione provvisoria della porzione di piazza da rendere pedonalizzata. Gli uffici avrebbero elaborato – nello stesso mese di aprile – la proposta,precisando che i riquadri stampati in essa previsti avrebbero avuto una colorazione richiamante il colore dei mattoni in cotto (cioè rosso).

Intanto, lo stesso comunicato annuncia che la riqualificazione della piazza verrà inserita nel nuovo Piano Triennale delle Opere Pubbliche 2020-2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *