LA P.G.F. STACCA IL PASS PER LA FINAL SIX

Dopo la gara di Napoli, dove, nonostante le tante difficoltà, i ginnasti ferraresi centrano l’obiettivo

Sabato scorso a Napoli con la terza prova di serie A2 si è conclusa la “Regular Season” di Ginnastica artistica valida per assegnare il pass per disputare la prestigiosa “Final six” a sua volta valevole per la promozione in serie A1.
La Palestra Ginnastica Ferrara, si è presentata a quest’ultima competizione con non pochi imprevisti: le regole sanitarie le hanno di fatto impedito di mettere in campo una delle punte della squadra: il ginnasta Rumeno Cotuna Vlad Bogdan, rimasto appunto bloccato in patria, scontando così un evidente svantaggio rispetto alle dirette concorrenti (che annoverano tra le proprie file ginnasti stranieri di altre nazionalità che hanno invece potuto gareggiare perché sottoposti a norme sanitarie meno restrittive).
Il secondo imprevisto è stato l’infortunio del ginnasta Passini Andrea, un atleta “chiave” della formazione estense. La squadra così ridotta è entrata in gara con grande tensione e con la consapevolezza di non poter commettere errori, poiché il rischio di scivolare fuori dalla parte alta della classifica era più che concreto.
La gara si è aperta con un attrezzo difficile, il cavallo con maniglie: i coaches hanno affidato questo delicato momento a Matteo Steven che con freddezza ed energia ha portato a termine un ottimo esercizio, facendo calare la tensione e consentendo ai compagni di entrare in gara più serenamente; il compagno Emiliano Landi a seguire pennella infatti un esercizio premiato con il formidabile punteggio di 13.100.
Gli anelli, attrezzo successivo, fanno segnare una battuta d’arresto e spengono un po’ l’entusiasmo appena generato, ma i ragazzi della PGF non si perdono d’animo e Nico Olivieri al volteggio rimette la squadra nella giusta direzione, seguito immediatamente dal 13.850 di Matteo Steven. Alle parallele la PGF costruisce il suo capolavoro: Dalla Valle Lorenzo e capitan Olivieri sono impeccabili mentre Matteo strappa ai giudici un 13.500 con i complimenti anche dell’esiguo pubblico di addetti ai lavori.
Alla sbarra tutto fila liscio ma i giudici non premiano gli esercizi dei nostri atleti come sperato. Resta da affrontare solo il corpo libero e all’ultimo attrezzo la classifica è ancora molto incerta: qui, in sostituzione dell’infortunato Passini fa il suo debutto in serie A il giovane Pietro Miserti che porta alla squadra un buon 12.400 che rassicura tutti ed ispira Landi nell’esecuzione del suo secondo capolavoro: un esercizio da ben 13.200; chiude poi la gara Matteo con una bella esecuzione che manca i tredici punti per poco.
Da ricordare anche Tommaso Bertarelli, il ginnasta più giovane della squadra rimasto pronto per sostituire i compagni in caso di eventuali imprevisti.
La PGF conquista così una difficile quarta piazza che nel computo della classifica finale del campionato le permette di ottenere la vittoria davanti a Ginnastica Meda e Artistica Brescia.
Sugli spalti il Presidente Franco Mantero, che ha seguito la squadra fin dal giovedì in ogni momento della trasferta partenopea, condivide con gli allenatori Menegozzo, Pasquali e Ferrari, la soddisfazione per l’ottimo risultato conseguito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *