La Pasqua dei poveri

Un pranzo un po’ speciale per la giornata di domenica per festeggiare la Pasqua. È quello che, come ogni anno, organizza l’associazione viale K nella mensa dell’area Rivana dove ogni giorno circa un centinaio di persone.

Nel 2010, anno relativo all’ultima rilevazione Istat, il 16% delle famiglie residenti in Italia ha dichiarato di arrivare con molta difficoltà alla fine del mese. L’8,9% si è trovato in arretrato con il pagamento delle bollette; l’11,2% con l’affitto o il mutuo; l’11,5% non ha potuto riscaldare adeguatamente l’abitazione. E dal 2010 ad oggi c’è da aspettarsi che queste percentuali siamo aumentate visto che la crisi ha messo in ginocchio sempre più famiglie.

Per capirlo basta guardare la nostra città dove ai servizi sociali si rivolgono sempre più persone bisognose, dove nei dormitori e nei centri di accoglienza, un tempo esclusiva di immigrati senza tetto, oggi la metà degli ospiti sono italiani. Nelle diverse strutture dell’associazione viale K al momento, spiega il presidente Raffaele Rinaldi, trovano alloggio circa 120 persone. La Pasqua la trascorreranno nel dormitorio e pranzando alla mensa, i più fortunati delle case famiglie potranno, magari con la spesa che ogni giovedì viene distribuita alla Rivana.

Un pasto che per loro ci sarà naturalmente anche a Pasqua. La mensa dell’associazione viale K, che si trova nella zona della Rivana, come ogni anno cercherà di organizzare un pranzo speciale per la giornata di festa di domenica.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120404_10.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *