La procura di Ferrara revoca sequestro stadio “Mazza” subordinandolo alla messa a norma

Comunicato a cura della guardia di finanza di Ferrara

La Procura della Repubblica di Ferrara ha disposto la revoca del sequestro delle tribune “EST” e “NORD” dello stadio “Paolo Mazza” cui erano stati posti i sigilli dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Ferrara, lo scorso 18 agosto, per le irregolarità nelle procedure di collaudo dei lavori di ampliamento e di manutenzione straordinaria eseguiti dopo la promozione della SPAL in Serie A, subordinando la stessa revoca, all’adempimento di alcune condizioni, ovvero alla messa in sicurezza delle strutture.

L’Autorità Giudiziaria del capoluogo ferrarese ha adottato il provvedimento di revoca del sequestro, d’iniziativa e con estrema urgenza, pur in assenza di istanze da parte dal Comune di Ferrara e della SPAL, condizionandolo ad una serie di adempimenti che dovranno essere rispettati per la riapertura al pubblico della struttura.

Il provvedimento richiede un “progetto esecutivo” di messa a norma e di sicurezza delle strutture sequestrate, tale da assicurare con i relativi lavori “un adeguato livello di resistenza meccanica e stabilità, di efficienza e di durata” della struttura, volti ad eliminare tutte le criticità, le non conformità e le anomalie evidenziate nelle relazioni e nelle note tecniche redatte dal consulente della Procura, Prof. Ing. Carlo Pellegrino.

Il decreto subordina, altresì, la revoca del sequestro all’esecuzione del collaudo delle parti strutturali della copertura della tribuna “NORD” e della tribuna “EST”, dopo i lavori di messa a norma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.