La ricca stagione di Ferrara Musica ‘22/’23

Un nuovo progetto di residenza con l’Orchestra Mozart e Daniele Gatti; tanti appuntamenti con le migliori orchestre italiane e internazionali, guidate da grandi direttori; un focus di approfondimento su Debussy, il “Compleanno Frescobaldi”, un’attenzione particolare ai giovani e un’anteprima estiva: la seconda edizione del ciclo di concerti organizzati in luglio a Casa Romei. La stagione di Ferrara Musica sotto la guida del presidente Francesco Micheli e del direttore artistico Enzo Restagno rafforza sempre più il suo ruolo nel panorama musicale nazionale, riallacciandosi allo splendore delle proprie origini e proponendo nuovi progetti che gettano ponti verso il futuro.

«Il nostro primo obiettivo – spiega Micheli – è sempre stato quello di rendere la magica città di Ferrara anche Città della Musica. Quest’anno con una programmazione che vede presenti artisti di grande rilievo accanto ad orchestre tra le migliori, italiane ed europee».

1. LE GRANDI ORCHESTRE

Il cartellone 2022/2023 vede in programma ben otto appuntamenti sinfonici, e otto concerti da camera, con l’aggiunta di due episodi fuori abbonamento a Palazzo Diamanti, legati alla storia e alla cultura di Ferrara; i contenuti spaziano dalla musica antica alla contemporaneità, con un occhio di riguardo per Girolamo Frescobaldi e Claude Debussy, a cui sono dedicati due focus di approfondimento.

L’apertura della stagione è affidata, il 10 settembre, alla Mahler Academy Orchestra, gruppo di talenti delle migliori formazioni europee con gli studenti della Mahler Academy, riuniti assieme per eseguire la Sinfonia n.9 di Mahler, proposta a Ferrara in prima esecuzione assoluta, sotto la guida del direttore Philipp Von Steinaecker. Orchestra e direttore daranno vita all’Originalklang-Project, suonando su archi con corde di budello e sugli strumenti a fiato viennesi del primo Novecento, ricercando il suono originale di Mahler per restituirlo al nostro tempo in tutto il suo fulgore.

Si proseguirà mercoledì 28 settembre con il primo capitolo di un nuovo progetto di residenza orchestrale, che si inserisce nella migliore tradizione di Ferrara Musica, da sempre impegnata a dare ospitalità alle formazioni create dal suo fondatore Claudio Abbado: ne saranno protagonisti l’Orchestra Mozart dell’Accademia Filarmonica di Bologna, al suo ritorno nella città estense dopo una lunga assenza, e Daniele Gatti, uno dei più prestigiosi direttori d’orchestra al mondo, che per un triennio saranno impegnati in un ciclo dedicato alle Sinfonie di Beethoven, al via con l’Eroica.

Ma diverse altre sono le compagini che troveranno spazio nel ricchissimo cartellone 2022/2023. Il 25 ottobre sarà la volta dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, di nuovo a Ferrara condotta da una delle bacchette più importanti del panorama internazionale, quella di Fabio Luisi, e con la partecipazione della pianista Gile Bae, in un programma tutto beethoveniano, che vedrà l’esecuzione della Settima Sinfonia e del Primo Concerto per pianoforte. È un gradito ritorno anche quello della Chamber Orchestra of Europe con due star come il direttore Sir Antonio Pappano e la violinista Janine Jansen, che eseguirà Concerto per violino n. 1 di Prokof’ev.

Il 14 dicembre sarà l’Orchestra da Camera di Mantova a contribuire alla stagione di Ferrara Musica con una serata tutta riservata a Mozart, con l’apporto del pianista Andrea Lucchesini come solista.

A diversi anni dalla sua ultima esecuzione ferrarese, sarà possibile ascoltare nuovamente un capolavoro della musica barocca come la Messa in si minore di Johann Sebastian Bach, che verrà proposta il 20 dicembre, in un autentico Concerto di Natale costruito attorno al ruolo direttoriale di Andrea Marcon, a capo dell’Orchestra Frau Musika e del Coro del Friuli Venezia-Giulia.

Anche nel 2023 ci sarà spazio per due grandi momenti orchestrali. Il 7 febbraio debutterà nel nostro teatro Oksana Lyniv, direttrice ucraina tra le bacchette più interessanti della sua generazione, sul podio dell’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, della quale è diventata quest’anno direttore musicale stabile. E anche per questa compagine si tratta della prima partecipazione alla stagione di Ferrara Musica. Mentre il 17 febbraio l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia condotta da Myung-Wung Chung, tra i massimi direttori d’orchestra in attività internazionale, proporrà un impaginato tutto brahmsiano, con la Terza e la Quarta Sinfonia.

2. LA MUSICA DA CAMERA E IL FOCUS DEBUSSY

Un ruolo di tutto rispetto viene giocato come sempre dalla musica da camera, che quest’anno trova la sua espressione anche in un Focus dedicato a Claude Debussy. Il 4 ottobre, nella parte iniziale di stagione, lo svizzero Quatuor Schumann proporrà due celebri Quartetti con pianoforte di Schumann e Brahms. Non mancheranno come sempre i migliori pianisti: debutterà a Ferrara Alexander Romanovsky (10 gennaio), con due Sonate dell’ultimo Beethoven e pagine di Rachmaninov nel centocinquantenario della nascita; e il 18 aprile potremo riascoltare uno dei più grandi pianisti viventi, Mikhail Pletnev, in un inedito percorso musicale che accosta composizioni di Dvořák e Brahms.

Il Focus dedicato alla musica di Claude Debussy inizierà il 17 ottobre con il giovanissimo Quatuor Mona e i Quartetti di Ravel e di Debussy affiancati nella medesima serata, per proseguire con un doppio recital (7 e 9 novembre) del pianista Jean-Efflam Bavouzet. Il grande pianista francese, già vincitore del celebre Concorso Van Cliburn e vero e proprio specialista di questo repertorio, eseguirà integralmente i due libri dei Preludes e le due serie di Images assieme ad altri pezzi brevi. Anche l’appuntamento di domenica 5 marzo con il duo formato dal flautista Nicola Guidetti e dal pianista Massimiliano Damerini proporrà, tra le altre cose, una celebre pagina debussiana, Syrinx.

3. LA MUSICA CONTEMPORANEA

La stagione 2022/2023 conferma una rinnovata e specifica attenzione alla contemporaneità, testimoniata dal concerto dedicato a Luca Francesconi dal Quartetto Prometeo (che fa seguito a quello del Quartetto di Cremona riservato a Fabio Vacchi nel 2021), e da una serata dedicata alla Missa brevis di Marcello Panni, attorno alla quale verranno proposte pagine inconsuete come le Litanies à la Vierge Noire de Rocamadour di Poulenc e alcuni brani di Giovanni Gabrieli, in una sede speciale come la Chiesa di Santa Maria della Consolazione, da poco recuperata grazie a un importante progetto di restauro. A questo progetto parteciperanno il Coro Accademia dello Spirito Santo istruito da Francesco Pinamonti e la Banda Militare dell’Esercito sotto la guida del suo maestro Filippo Cangiamila.

4. COMPLEANNO FRESCOBALDI E MUSICA ALLA CORTE ESTENSE

Tra 11 e 14 settembre prenderà il via un nuovo e articolato progetto in quattro tappe, con cui Ferrara Musica festeggia il compleanno di Girolamo Frescobaldi (13 settembre), compositore ferrarese noto in tutto il mondo per aver rivoluzionato la storia della musica per tastiera. Domenica 11 settembre mattina, in collaborazione con il Conservatorio Frescobaldi, il Ridotto ospiterà un concerto delle classi di Clavicembalo e Canto, e a seguire, la Chiesa di Santo Stefano officerà la celebre Messa della Madonna di Frescobaldi eseguita sul prezioso organo seicentesco di recente restauro; martedì 13 settembre alle 17 il Palazzo dei Diamanti farà da splendida cornice al recital cembalistico di Catalina Vicens, tra le più interessanti tastieriste nel campo internazionale della musica antica, in collaborazione con l’Associazione Bal’danza; mercoledì 14 settembre alle 18 è in programma sul palcoscenico del Teatro “Sulle orme di Frescobaldi”, momento conclusivo del laboratorio per bambini tra 7 e 9 anni a cura di Chiara Tarabotti e Isabella Gorgoni Gufoni, in collaborazione con la Scuola d’Arte Cinematografica Florestano Vancini di Ferrara e con il Conservatorio “Frescobaldi”; domenica 9 ottobre Catalina Vicens guiderà infine un vero e proprio “Viaggio musicale” al Museo di San Colombano di Bologna, che ospita la Collezione Tagliavini di strumenti antichi di cui è curatrice, iniziativa anch’essa a cura dell’Associazione Bal’danza.

L’8 dicembre al Palazzo dei Diamanti l’Ensemble La Reverdie proporrà invece, in collaborazione con le Gallerie Estensi, un programma di polifonia del primo Rinascimento ferrarese, legato agli autori che operarono alla corte di Lionello d’Este, tra cui Binchois e Dufay.

5. IL PROGETTO FEMU EDU E L’ATTENZIONE PER IL PUBBLICO DEI PIÙ GIOVANI

In questa stagione si evidenzia un’attenzione particolare per il pubblico dei più giovani, che si esplica in due direzioni: un cartellone di tre episodi pensato appositamente per loro e un’innovativa politica di prezzi. Ferrara Musica promuove per la prima volta FeMu Edu, un progetto che si sviluppa in tre iniziative dedicate ai bambini e alle loro famiglie: permettono al pubblico più giovane di accostarsi alla musica classica in modo divertente, grazie all’approccio informale e ai programmi appositamente studiati. Il primo appuntamento è quello inserito nel progetto Frescobaldi, di cui si è parlato sopra; il secondo sarà al Ridotto del Teatro martedì 22 novembre, e vedrà protagonista il Freon Ensemble in uno spettacolo imperniato sulla lettura in musica di storie tratte dalle Favole al telefono di Gianni Rodari; infine, il 15 dicembre il Teatro Comunale di Ferrara ospiterà la Playtoy Orchestra, prima band al mondo che suona attraverso l’utilizzo esclusivo di strumenti giocattolo Bontempi e altri giocattoli in grado di emettere suoni.

Per quanto riguarda i prezzi dei biglietti, una grande attenzione è stata riservata alle diverse fasce del pubblico giovanile: è stata introdotta una tariffa di soli 3 euro, destinata agli Under 19 e agli iscritti al Conservatorio Frescobaldi; per il pubblico universitario è stata inserita la tariffa di 5 euro, e inoltre per la prima volta viene proposto un biglietto cumulativo dedicato alle famiglie, con prezzi di 10 euro per gli adulti (genitori, nonni o zii, in numero di non più di due) e 3 euro per i bambini e i ragazzi fino ai 19 anni compresi. Infine, per il pubblico generico Under30, è stata confermata la tradizionale riduzione del 50% sulle tariffe intere di tutti gli ordini di posto, eccetto il loggione.

6. CASA ROMEI

Per il secondo anno Ferrara Musica torna a Casa Romei con tre concerti estivi, realizzati in collaborazione con la Direzione Regionale dei Musei dell’Emilia-Romagna e con il Festival Musica con Vista. Il fascino architettonico di questa residenza del 1400 farà da cornice ideale ad uno dei più accreditati gruppi polifonici italiani, per la prima volta ospite della città: giovedì 7 luglio La Compagnia del Madrigale proporrà al pubblico un’antologia di madrigali di De Wert, Marenzio, Gesualdo, Luzzaschi e Monteverdi su testi di Dante e Tasso. Giovedì 21 luglio sarà poi la volta del Trio Chagall, il più giovane ensemble da camera premiato nella storia del prestigioso Concorso “Trio di Trieste”, che si dedicherà a due capolavori assoluti del repertorio dell’Ottocento, gli “Spettri” di Beethoven e il primo Trio di Brahms. E anche quest’anno toccherà al pianoforte solista il concerto di chiusura: Federico Colli eseguirà giovedì 28 luglio un programma di grande impatto d’ascolto, dall’acrobatica Ciaccona di Bach-Busoni alla celeberrima Sonata “Al chiaro di luna” di Beethoven, accostate alla preromantica Fantasia in do Minore di Mozart. I due concerti del 7 luglio e del 21 luglio rientrano inoltre nell’ambito del festival Musica con Vista del Comitato Amur, organizzato con Le Dimore del Quartetto e con l’Associazione Dimore Storiche Italiane.

7. FERRARA MUSICA AL RIDOTTO

Nella stagione troverà spazio anche un ciclo pianistico di tre appuntamenti al Ridotto del Teatro Comunale, la domenica mattina alle 10.30: ne saranno protagonisti Giacomo Fuga (musiche di Schumann, Chopin, Liszt), Matteo Cardelli (musiche di Brahms, Debussy, Ravel) e Albertina Dalla Chiara (musiche di Skrjabin). Sempre in queste sale verranno ospitati gli appuntamenti di “Ferrara Musica al Ridotto”, organizzati in collaborazione con il Conservatorio “Frescobaldi” di Ferrara, l’Orchestra Città di Ferrara e l’Accademia Corale “Veneziani” a partire dal 25 settembre.

8. INFORMAZIONI SU ABBONAMENTI E BIGLIETTI

La stagione 2022/2023 segna il definitivo ritorno agli abbonamenti: quello completo, il Large, con 16 concerti; Pianochamber, formula tematica con 9 concerti dedicati al pianoforte solista, alla musica da camera e al pianoforte con orchestra; e infine Piano4, un pacchetto che contiene i quattro concerti pianistici, riservato a tutti gli studenti di pianoforte della città.

Tutti i dettagli e le informazioni sono disponibili sul sito www.ferraramusica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.