“La scuola è il battito della comunità”, Patrizio Bianchi a “Ragioniamo di scuola”

E’ bastato il saluto all’iniziativa “Ragioniamo di scuola…” promossa dal Forum Disuguaglianze e Diversità e la cooperativa sociale Dedalus, in collaborazione con il Comune di Napoli,  per dare a Patrizio Bianchi, neo-Ministro dell’Istruzione, l’occasione di esprimere la sua idea di scuola come Istituzione fondante della democrazia. Un’idea in sintonia con l’esperienza napoletana dei “maestri di strada” che trova spazio e approfondimento nel recente saggio di Bianchi,“ Nello specchio della scuola”, edito da Il Mulino.

“Non c’è sviluppo se non c’è, non solo l’educazione, ma la voglia diffusa di tornare ad imparare a vivere insieme“, ha detto il Ministro rivolgendosi ai partecipanti dell’iniziativa on line,  il 19 febbraio scorso, inviando un messaggio che coglie appieno l’idea di scuola come luogo dell’inclusione sociale e della promozione dell’eguaglianza dei diritti.

Idea, che il neo ministro Bianchi, ex rettore Unife, ex assessore scuola-università lavoro, coordinamento politiche europee della Regione Emilia Romagna, titolare della cattedra Unesco “Educazione, crescita ed uguaglianza” presso l’Università di Ferrara, intende mettere alla base della sua attività di governo del sistema pubblico dell’Istruzione”.

“Investire in modo adeguato sull’educazione dei giovani e dei meno giovani, rimuovere disuguaglianze e costruire giustizia sociale, come è stato detto dagli intervenuti al dibattito, significa non solo realizzare i principi della Costituzione, ma  permettere al Paese di tornare davvero a crescere con uno sviluppo giusto, che veda al centro le persone, attento ai diritti, i beni comuni, all’ambiente”.

N.d.R. L’intervento del Ministro dell’Istruzione Prof. Patrizio Bianchi, all’iniziativa “Ragioniamo di scuola…” promossa dal Forum Disuguaglianze e Diversità e la cooperativa sociale Dedalus, in collaborazione con il Comune di Napoli, in cui intervengono l’Assessore alla Scuola del Comune di Napoli Annamaria Palmieri, Stefania Colicelli (dirigente scolastica), Andrea Morniroli (Dedalus) e Fabrizio Barca (Forum Disuguaglianze e Diversità).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *