La storia di piazza della Repubblica in un video sul canale YouTube del Comune

Una finestra aperta su piazza della Repubblica, per ammirare gli scorci e scoprire la storia e i segreti di uno dei luoghi simbolo di Ferrara. E’ così che il video realizzato su iniziativa dell’Amministrazione comunale, in collaborazione con l’associazione De Humanitate Sanctae Annae Odv, si propone di far conoscere a tutti gli amanti di Ferrara i tanti aspetti e le tante vicende che caratterizzano una delle piazze più significative del centro storico, di recente riqualificata dal Comune.

Il video, dal titolo “Riqualificazione di Piazza della Repubblica. Storia e segreti di un luogo del cuore”, ha una durata di circa 40 minuti ed è già disponibile liberamente sul canale YouTube del Comune di Ferrara, al link diretto http://bit.ly/piazza-Repubblica. A idearne e promuoverne la realizzazione è stato l’Assessorato ai Lavori Pubblici, che tramite il proprio ufficio Ricerche Storiche, diretto da Francesco Scafuri, e grazie all’apporto professionale di Carlo Magri, ha raccolto approfondimenti storici, curiosità, notizie inedite e citazioni cinematografiche, per tratteggiare un quadro di piazza della Repubblica ricco di richiami e sfaccettature.

“Questo video – ha sottolineato oggi, nel corso della conferenza stampa di presentazione, l’assessore Andrea Maggi – ha l’intento di raccogliere e custodire la memoria di un luogo magico di Ferrara che altrimenti potrebbe disperdersi in mille rivoli, mettendola a disposizione anche di chi fra 10, 20 o 100 anni vorrà andare a riscoprire la storia di Ferrara e delle sue bellezze.

E’ un modo per lasciare un segno della nostra voglia di capire cosa c’è dietro ai luoghi e ai monumenti su cui andiamo a intervenire, per testimoniare cosa si è fatto e dimostrare il perché di determinati interventi. La riqualificazione di piazza Repubblica è una delle opere che per prime ho voluto far realizzare, proprio per le condizioni di degrado in cui versava quello che considero uno dei luoghi del cuore di Ferrara. Mi compiaccio con tutti coloro che hanno contribuito a realizzare questo video, raccontando quanto è stato fatto e divulgando tante notizie storiche e curiosità sulla piazza”.

Il documento filmato si apre proprio con una serie di considerazioni dell’assessore Maggi, sui recentissimi lavori realizzati dall’Amministrazione comunale e sull’importanza del luogo, particolarmente caro ai ferraresi. Prosegue poi con una conversazione (a cura di Carlo Magri) con il ricercatore e saggista , che illustra alcuni aspetti delle origini e della storia della chiesa di San Giuliano, accennando a personaggi singolari e avvenimenti della Ferrara medievale. Il video continua quindi con un intervento di Francesco Scafuri dal titolo “Piazza della Repubblica. Un luogo del quotidiano ricco di storia”, durante il quale il ricercatore storico del Comune, grazie ad una serie di rare iconografie, cartoline e foto d’epoca, delinea un quadro delle vicende che hanno caratterizzato la piazza dal XVI secolo ai giorni nostri.

“Nel mio intervento – precisa Scafuri – ripercorro la storia di questo luogo a partire dal 1506, quando per ordine di Alfonso I d’Este fu costruita, di fronte alla chiesa di San Giuliano, una ‘Beccheria’, che occupava gran parte dell’attuale piazza e che aveva più l’aspetto di un tempio che di un mattatoio. Due anni dopo la sua distruzione, avvenuta nel 1893, nell’area venne creata una piazzetta con giardinetto dedicata a Torquato Tasso, dove nel 1927 fu trasferito il monumento a Vittorio Emanuele II, poi rimosso nel secondo Dopoguerra”.

Prima delle conclusioni affidate all’assessore Maggi, il video propone alcune sequenze del film “Ossessione” (1943) diretto da Luchino Visconti, girate proprio in piazza della Repubblica, con una breve presentazione di Carlo Magri, che invita a cogliere nella suggestione delle immagini alcuni particolari del luogo come si presentava all’epoca. “L’iniziativa dedicata a piazza Repubblica – ha precisato Carlo Magri – si inserisce sul solco di quelle già realizzate dall’Amministrazione comunale per altri luoghi simbolo di Ferrara, come corso Ercole I d’Este e il Castello, protagonisti di incontri pubblici pre Covid, e piazza Ariostea raccontata in un video reso disponibile on line da dicembre 2020 e che conta già moltissime visualizzazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *