La trasparenza del buio, di Roberto Pazzi

giardino-duchesseIeri sera la presentazione del più recente romanzo di Roberto Pazzi, nel dialogo fra l’autore e Dalia Bighinati al Giardino delle Duchesse.

La trasparenza del buio è il romanzo edito da Bompiani e uscito a marzo 2014, con cui Roberto Pazzi, scrittore tradotto in 26 lingue e letto in tutto il mondo, dopo 18 romanzi e 8 raccolte di poesie, saggi, articoli, convegni, tanti premi,  ha deciso di proporsi in una scrittura che scompagina completamente le aspettative dei suoi lettori.

Non è la prima volta che lo fa, anzi, forse è un po’ la cifra del suo essere scrittore quello di chiudere cicli e mondi e di passare ad altro. Una scrittura che per questo non invecchia, ma segue il tempo e le trasformazioni che questo inevitabilmente produce su di noi. Così passiamo dai romanzi che rileggono la storia e i suoi protagonisti, ai romanzi di Ferrara, dai romanzi sull’amore, ai romanzi che affrontano tematiche religiose da diverse angolazioni,dai romanzi sulla morte a tutti romanzi sul potere: degli zar, dei papi, del  tempo.pazzi

Anche quest’ultimo è un romanzo sul potere: quello  dell’eros che fonda la vita e la speranza e il potere delle convenzioni e del conformismo che uccide e imprigiona la vita.

La trasparenza del buio, un titolo giocato su un ossimoro, allude alla metafora dello sguardo, che nell’individuo  si illimpidisce quando non teme più l’ignoto della vita che ci aspetta, con tutto il carico di sogni, illusioni, promesse, ma anche con il peso delle aspettative altrui, delle regole non scritte che come una gabbia imprigionano spesso la nostra identità profonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *