L’agricoltura torna a dare lavoro

A sottolinearlo, dieci giorni fa, era stata la stessa Coldiretti, presentando una propria analisi basata sui dati Istat, relativi al commercio estero nel mese di settembre. L’agroalimentare cresce facendo segnare un aumento nelle esportazioni dell’1,2% per un valore di 2,731 miliardi di euro. Una dato superiore a quello delle auto, in calo del 3,7% su base annua.

Dati, questi relativi al commercio estero, in controtendenza rispetto all’andamento generale, che sempre nel mese di settembre ha registrato in media un calo record del 4,2%. Il dato peggiore dal 2009.

La crescita in controtendenza dell’agroalimentare è dovuta – secondo Coldiretti – ad un aumento delle spedizioni dei prodotti agricoli simbolo del Made in Italy come pasta, il vino e conserve di pomodoro. Se l’andamento positivo sarà confermato, il valore dell’export agroalimentare a fine anno segnerà il nuovo record con un valore delle spedizioni – stima la Coldiretti – superiore ai 30 miliardi di euro fatti registrare lo scorso anno.

Un risultato importante non solo perché l’agroalimentare svolge – continua Coldiretti – un effetto traino per l’intero Made in Italy all’estero ma anche perche potrebbero arrivare le prime risposte, in termini economici, alle imprese agricole che hanno creduto al progetto di Coldiretti: puntare sulla sicurezza alimentare siglando un patto con il consumatore.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=3e8dadd7-7dd6-4ec0-9f9b-ed636abfd13c&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *