L’artigianato di qualità al Ridotto del Comunale

modacastelloUna intera giornata dedicata all’artigianato di qualità, tra moda, oggetti preziosi e tradizione alimentare: è l’iniziativa di CNA “Opere di artigianato in scena”.

L’ iniziativa si svolgerà domenica 23 febbraio, è promossa da Cna Federmoda e Cna Impresa Donna, in collaborazione con la Fondazione del Teatro Comunale di Ferrara e con la direzione artistica di Made Eventi. Si inizia la mattina, alle ore 10, con l’esposizione (temporary shop) di prodotti di note e qualificate imprese ferraresi del settore moda, alimentazione e dell’artigianato artistico, caratterizzate da quell’impronta di qualità e capacità creativa tipica del migliore made in Italy, che presenteranno esempi di particolare interesse della propria produzione per originalità, finezza di lavorazione e qualità dei materiali.

Si potranno ammirare e toccare con mano preziosi capi di moda su misura e pret a porter, occhiali dalle linee innovative, accanto a pezzi unici della grande tradizione orafa artigianale italiana,  in perfetta armonia con l’eleganza e il pregio dei locali del Ridotto del Teatro Comunale, che ospiteranno domenica prossima la manifestazione di CNA.

francescaMusnikiMomento culminante dell’intera giornata sarà la sfilata di moda prevista – sempre al Ridotto – per le ore 17,30: ad accompagnare la presentazione dei capi esclusivi di moda delle aziende protagoniste della giornata al Ridotto, saranno le musiche di Beethoven, Mozart, Vivaldi e di altri grandi autori di musica classica. In programma, inoltre,  l’esibizione dal vivo della violinista milanese Francesca Musniki e delle allieve dell’Ensemble Danza Estense – Gym&Tonic di Luisa Tagliani. L’intenso programma pomeridiano, tra sfilata e momenti di spettacolo e musica, sarà condotto dalla presentatrice Laura Sottili. Lungo la passerella delle sale del Ridotto sfileranno, accanto agli abiti e capi di abbigliamento e accessori delle aziende Cna, anche le creazioni dei giovani stilisti vincitori del concorso Cna “La  Moda in Castello siamo anche noi”, e cioè: Elisabetta Bragaglia, Pasquale Montoro e Giulia Materazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *