Le modifiche della maggioranza allo Statuto della Fondazione Teatro Comunale

È stato modificato dal consiglio comunale lo statuto della Fondazione Teatro Comunale Claudio Abbado.

Fondazione, lo ricordiamo, che ha visto a febbraio un cambio di Cda per contrasti fra l’ex-Presidente Mario Resca e il Comune di Ferrara, socio unico della Fondazione.

Vediamo alcune novità.
Divenuto Fondazione nel 2009, il Teatro Comunale di Ferrara costituisce una delle istituzioni culturali più prestigiose e antiche della città. La sua attività, articolata in stagioni concertistiche, lirica, danza e prosa, comprende iniziative di formazione ed informazione del pubblico con particolare attenzione alla scuola e ai giovani, mantiene, inoltre, rapporti di collaborazione con le istituzioni culturali, pubbliche o private della città, con particolare riferimento al Conservatorio cittadino e ai Musei civici comunali.
Alla sua attività concertistica e operistica attraverso l’Associazione Ferrara Musica, di cui è stato fondatore e presidente onorario il maestro Claudio Abbado, Ferrara deve la fama che le viene riconosciuta a livello nazionale e internazionale, confermata nel corso degli ultimi vent’anni dalla rilevanza artistica dalle stagioni di danza e di prosa.
Gestirne l’attività è ciò che compete alla Fondazione, il cui statuto, di recente modificato in alcuni articoli dal Consiglio Comunale, con i voti della maggioranza, innanzitutto per inserirne l’intitolazione al maestro Claudio Abbado, presenta alcune evidenti novità.
Fra queste da sottolineare come l’obiettivo di valorizzare la tradizione artistica musicale sia specificamente finalizzato alla promozione e salvaguardia dei diritti umani, con particolare riguardo al Diritto all’Istruzione e alla Parità dei Generi, sia attraverso la produzione artistica che eventualmente devolvendo quote di utile a specifiche iniziative umanitarie.
Una dichiarazione per niente scontata e molto importante per l’impatto culturale e civile sulla città.
Le modifiche: viene eliminata la presenza degli “amici” della fondazione, fra le persone che, come i sostenitori, possono contribuire economicamente al funzionamento stesso del teatro,
Vengono inseriti, fra i contributi a sostegno della gestione, quelli erogati dal Comune di Ferrara per progetti culturali formalmente assegnati alla Fondazione.
Organo di indirizzo e di vigilanza della Fondazione è come nello statuto del 2009 il Comune di Ferrara, socio unico della Fondazione, al quale spetta l’approvazione del bilancio preventivo, del bilancio consuntivo e del piano economico di previsione triennale predisposti dal Direttore del Teatro e adottati dal Consiglio di Amministrazione. I membri di quest’ultimo sono portati da cinque ad un massimo di sette, di cui due, oltre al Presidente del CdA, che è anche presidente della Fondazione, sono di nomina del Comune.
Nuova nell’ambito dell’organigramma la figura del Vicepresidente, nominato dal CdA, e del Presidente onorario, nominato dal Comune.
Sono altresì previste, in caso di necessità, figure di supporto del Direttore, nominato dal Consiglio di Amministrazione a maggioranza assoluta dei propri membri,
Nuova anche la figura del coordinatore del Consiglio di partecipazione, costituito dai Sostenitori della Fondazione, designato dal Consiglio di Amministrazione tra i Sostenitori stessi come persona di comprovata e qualificata competenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *