LE PAGELLE DI BEPPE

LETICA 6. Peccato, sporca una partita molto positiva con la respinta difettosa che genera la rete che decide probabilmente il campionato della Spal.

CIONEK 5,5. Una conclusione verso Olsen ad inizio ripresa, e diverse chiusure poco tempestive in fase difensiva.

VICARI 5,5. Inizio incoraggiante con un colpo di tacco che sfiora la rete. In colpevole ritardo in occasione della rete al passivo.

BONIFAZI 5. Discorso analogo, poco reattivo sulla respinta del portiere dove avversari hanno il tempo di fare ciò che vogliono davanti alla porta biancazzurra.

SALA 5. Impalpabile, e soprattutto inspiegabile il suo impiego dal primo minuto sulla corsia mancina.

CASTRO 5. Dopo una manciata di minuti iniziali, dove lascia intravedere qualche buona iniziativa, si spegne porgressivamente fino a sparire totalmente dal campo. Come gli capita quasi sempre da quando veste la maglia della Spal.

VALDIFIORI 5,5. Passo lento e cadenzato, quando la Spal avrebbe bisogno decisamente di altri ritmi.

VALOTI 5. Altra prestazione incolore. Mai uno spunto degno di nota.

STREFEZZA 6. Irruento e arruffone al limite del cartellino rosso, ma è anche uno dei pochi ad impensierire la difesa sarda.

PETAGNA 5. Poco e male servito, spreca le rare occasioni che gli capitano. Nell’unica azione da gol dei biancazzurri nel finale, doveva almeno trovare lo specchio della porta.

D’ALESSANDRO 5. Schierato a sorpresa dall’inizio, fa’ decisamente poco per dare ragione all’allenatore.

MISSIROLI 6. Non fa cose eccezionali, ma qualcosa di meglio di chi ha sostituito sicuramente si.

DABO 5,5. Anche lui almeno ravviva un centrocampo,  abulico e inoffensivo nella prima ora di gioco. Decisamente troppi pero’ gli errori di rifinitura anche in giocate semplici.

RECA 5,5. Fare meglio di Sala non è una operazione complicata, lui ci riesce con giocate lineari e buone chiusure, ma non incide nulla in fase offensiva.

FARES 6,5. Inspiegabile averlo tenuto in panchina fino al 63′. Il più lucido fra tutti i biancazzurri, pregevolissimo il traversone al volo sul quale entrambi gli attaccanti gettano alle ortiche il posssibile rilancio in classifica.

CERRI 5,5. Non disputa un brutto spezzone di gara, anzi lascia intravedere buone cose, ma il gol mangiato da un metro dalla porta pesa tantissimo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *