Le pagelle di Beppe

LETICA 5,5. Appare in colpevole ritardo sulla pur calibrata punizione di Gabbiadini. Nelle altre due reti paga i grossolani errori dei compagni.
CIONEK 5,5. Non spinge e in difesa non chiude in occasione Di due delle tre reti doriane.
VICARI 5,5. Questa volta non è lui a commettere l’errore che costa la partia, anche se non appare mai sicuro al centro della difesa.
BONIFAZI 5. In un paio di circostanze superato con irrisoria facilità dall’avversario. Come per Vicari, poca sicurezza al centro della difesa.
SALA 4,5. Dopo pochi minuti, un errore inconcepibile a questi livelli, che riduce al lumicino le già esigue speranze di rimonta dei biancazzurri. Errore che fotografa eloquentemente la sua stagione biancazzurra.
STREFEZZA 5,5. Avrebbe il pallone buono, ma non riesce a superare Audero con la girata aerea ravvicinata. Vivace, ma alla resa dei conti produce poco.
MISSIROLI 5. Errore disarmante che chiude definitivamente la partita. Prova a cucire il gioco a metà campo ma paga la scarsa inclinazione a verticalizzate la manovra.
DABO 5. Il retropassaggio errato da cui nasce la prima rete è gravissimo. Partita da dimenticare sotto ogni punto di vista.
MURGIA 5. Una girata al volo e pochissimo altro. Non incide mai, come è capitato ogni volta che gli è stata data fiducia in questa stagione.
FLOCCARI 5. L’inizio sembra promettente, ma si spegne presto senza mai rendersi pericoloso.
CERRI 5. Impalpabile, prestazione sconcertante. I difensori avversari lo neutralizzano con irrisoria facilità..
VALDIFIORI 5.5. Schierato nella ripresa, fornisce maggiori geometrie, senza però incidere come la partita richiederebbe.
CASTRO 5,5. Entra quando ormai la partita è già in cassaforte per gli avversari. Schierato dietro le punte non si rende mai pericoloso.
PETAGNA 6,5. Si rende più pericoloso lui nella mezz’ora finale che tutti gli altri messi insieme per tutti i novanta minuti. Inspiegabile come Di Biagio in una partita di vitale importanza rinunci all’unico giocatore a disposizione in grado di impensierire la difesa avversaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *