Le pagelle di Beppe

Poche note positive. Difesa distratta, centrocampo senza idee, se la cavano i giocatori offensivi

BERISHA 6,5. Con un paio di interventi provvidenziali impedisce alla Spal di crollare anticipatamente. Poi capitola davanti alla troppa e  inspiegabile libertà che viene concessa agli attaccanti avversari al momento della conclusione.

DICKMANN 5. Schierato basso sulla corsia destra, disputa una prestazione sottotono con diverse incertezze, rischiando anche l’autogol con una pericolosa deviazione aerea indirizzata verso la sua porta.

TOMOVIC 5,5. Molte più ombre che luci. Nervoso e poco sicuro fatica a tenere a galla una difensa troppo vulnerabile.

VICARI 5. È lui a tenere in gioco Pasini in occasione della prima rete vicentina. Non riesce a guidare come dovrebbe un reparto difensivo, che soprattutto nella ripresa concede troppe occasioni e spazi per colpire in libertà agli attaccanti avversari.

RANIERI 5,5. Entrambe le reti al passivo nascono dalla sua zona di campo. Un passo indietro rispetto alle precedenti esibizioni

SEGRE 6. Forse meriterebbe mezzo voto in più per il primo tempo, è mezzo in meno per una ripresa decisamente sottotono.

ESPOSITO 6. Sua la conclusione da cui nasce il rigore, oltre al recupero su Agazzi lanciato in solitudine che impedisce il possibile svantaggio dopo pochi minuti. Poi nella ripresa si eclissa come tutti i compagni in biancazzurro.

STREFEZZA 5,5. Schierato più alto da Marino, non incide come potrebbe. Poco incisivo e spesso lontano dal fulcro della manovra.

VALOTI 6. Perfetto nella trasformazione del rigore. Per il resto, a parte l’assist della rete di Paloschi, si nota davvero poco.

ASENCIO 6. Nel primo tempo dimostra di poter essere utile con la sua fisicità. Poi nella ripresa anche lui, pur giustificato dalla lunga inattività cala vistosamente, fino alla sostituzione.

PALOSCHI 6,5. Pregevole la rete del vantaggio. Poi nel finale avrebbe anche la palla della vittoria ma il portiere gli neutralizza la conclusione.

FLOCCARI 5,5. Entra con la Spal in vantaggio di due reti e dopo pochissimi minuti il punteggio è in parità. Poi si dovrebbe provare a riportarsi in avanti, ma il suo ingresso non aggiunge nulla al reparto offensivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *