Lega Nord: una targa ai genitori di Nicola Cavicchi

09 lega targa a cavicchi

Una targa ai parenti di Nicola Cavicchi, vittima del terremoto: E’ quella che la lega nord dell’alto ferrarese consegnerà domani sera al padre del giovane, morto il 20 maggio del 2012, alla presenza di Umberto Bossi che giungerà a Diamantina di Vigarano Mainarda in occasione della festa provinciale del carroccio. La consegna della targa rappresenta l’inizio di una battaglia della Lega Nord contro la legge 1124 del giugno 1965

Hanno deciso di portare avanti una battaglia, che faranno propria, per cambiare la legge 1124 del 30 giugno 1965 e inizieranno dalla consegna simbolica di una targa, al padre di una delle vittime del terremoto del maggio 2012.

I militanti della lega nord dell’alto ferrarese, nel giorno in cui Umberto Bossi arriverà a Diamantina di Vigarano Mainarda, durante la festa provinciale del carroccio, porteranno all’attenzione una legge iniqua e datata che non permette ad alcuni parenti delle vittime del terremoto di avere giusti risarcimenti.

Nell’audizione della Commissione d’Inchiesta del Senato sugli infortuni sul lavoro lo scorso 18 settembre, a Bondeno, Bruno Cavicchi, padre di Nicola, morto il 20 maggio sotto i capannone della ceramiche S.Agostino, apprese che ai familiari delle persone morte sul lavoro non spetta nessuna soma di denaro se il parente deceduto nono contribuisce al sostegno della famiglia.

“La vita di un uomo non ha prezzo e non può sicuramente essere liquidata in poco più di 1.900 euro” spiegano alla Lega Nord che sottolinea come “quella commessa ai danni di Cavicchi sia una ingiustizia enorme, anche in virtù del fatto che un ragazzo ha perso la vita durante l’adempimento del proprio lavoro, versando tasse e tributi allo Stato fino all’ultimo istante” spiegano al carroccio.

Per questo motivo, venerdì 28 giugno, sia in segno di solidarietà, sia perché la Lega Nord intende cambiare la legge, sarà consegnata la targa ricordo a Bruno Cavicchi. Per decretare l’inizio della “battaglia a favore delle tante persone che ogni giorno rischiano la vita nell’adempimento del proprio dovere” spiegano i militanti della Lega Nord dell’alto ferrarese.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.