Leone Magiera: 88 anni per la musica. Festeggia il compleanno a Ferrara con i giovani talenti del belcanto

Magiera, insegnante di canto di Mirella Freni e Luciano Pavarotti, in queste settimane è nella città emiliana per preparare l’opera Don Giovanni, che debutta il 1° luglio al Teatro Abbado. Il Maestro modenese: “Ho scelto Ferrara per far crescere i nuovi talenti dell’opera, il progetto proseguirà negli anni”

Leone Magiera compie 88 anni domenica 26 giugno. Festeggerà nel segno della musica, dal palcoscenico del Teatro Comunale di Ferrara, insieme ai giovani talenti da lui selezionati per la nuova opera che lo vede coinvolto.

Ferrara è stata scelta da Magiera come sede del suo nuovo progetto, ideato insieme a Moni Ovadia e Marcello Corvino: Don Giovanni di Mozart, che debutta il 1° luglio (con replica il 3, sempre alle 20.30) al Teatro Abbado, di cui dallo scorso anno è presidente onorario.

“Per Don Giovanni a Ferrara sono stato incaricato di selezionare e preparare le voci di cantanti giovani e giovanissimi, con l’intento di valorizzare i talenti emergenti”, spiega Leone Magiera, direttore musicale dell’opera, una produzione della Fondazione Teatro Comunale di Ferrara che a ottobre andrà in Corea del Sud, nella prestigiosa Daegu Opera House. “Ho creato una compagnia che mi interessa molto – continua il Maestro – Mi emoziona cercare di aiutare i giovani e valorizzare le loro grandi doti naturali”.

Nell’allestimento di Ferrara, Don Giovanni di Mozart (e libretto di Da Ponte) sarà rappresentato in modo inedito e sorprendente in un circo agli inizi del secolo scorso. I personaggi fanno parte della compagnia circense approdata in città. L’idea registica è dell’argentino Adrian Schvarzstein – con la collaborazione di Moni Ovadia per la messa in scena. Dirige l’Orchestra Città di Ferrara l’australiano Daniel Smith e il cast internazionale di assoluto rilievo è stato selezionato e diretto da Leone Magiera.

“Ho condotto un lavoro personalizzato, puntando sulle qualità di ogni singolo cantante, ovviamente rispettando tutto quello che voleva Mozart, compresa la personalità che ogni singolo cantante deve esprimere”, dice Magiera. “La musica – prosegue il preparatore vocale – non è mai univoca, si può rappresentare in tanti modi. Ho cercato, rispetto ai cantanti, di estrarre il massimo della loro vocalità e della loro interpretazione, specialmente nei personaggi Don Giovanni e Leporello, ma anche nelle donne: Donna Anna, Donna Elvira, Zerlina, per cercare di capire fino in fondo cosa avrebbe voluto Mozart da loro”.

Lo sguardo di Magiera è rivolto al futuro, e da Ferrara lancia la sua personale sfida: “Spesso nei giovani manca la fiducia, invece andrebbero incoraggiati. Credo di aver agito bene nella scelta dei cantanti (tutti under 35), anche se non tutti avevano – per questioni anagrafiche – un grande curriculum alle spalle. Credo nella personalità musicale, oltre che nella bravura tecnica. Bisogna capire se c’è il talento, e lasciarlo esprimere quanto prima”.

Il più giovane ha 20 anni ed è l’abruzzese Valerio Morelli, che interpreta Masetto, seguito da Giulio Riccò, 21 anni, nel ruolo di Leporello il clown, che canta da quando aveva 5 anni e ora studia al Conservatorio Arrigo Boito di Parma. Durante il lockdown, il baritono parmigiano aveva allietato il suo quartiere cantando tutte le domeniche dal balcone.

Le opere di Mozart, ricorda Magiera, più volte hanno aperto la strada ai grandi operisti italiani: “Anche Claudio Abbado, cui è intitolato il teatro ferrarese, presentò una compagnia molto giovane e quasi tutti i suoi cantanti fecero carriera. In questi mesi a Ferrara – conclude – si è creata una compagnia stabile. Da questo gruppo pensiamo di attingere anche per le prossime opere in programma. La nostra volontà è di creare una scuola ferrarese del belcanto”.

 

Comunicato a cura ufficio stampa del Teatro Comunale di Ferrara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.