Liberazione, il 67° anniversario a Ferrara

Un 25 aprile con il cielo azzurro e con un bel sole tiepido, se non ancora caldo, ma un’atmosfera certamente non rituale oggi a Ferrara nei discorsi con cui in Piazza Trento e Trieste è stata celebrato il 67° anniversario della Liberazione con le manifestazioni promosse dal Comitato, costituito da Prefettura, Comune e Provincia di Ferrara, assieme alle altre istituzioni e associazioni del territorio.

La cerimonia ufficiale è iniziata alle 10.30 con l’ingresso del gonfalone del Comune di Ferrara – in piazza cattedrale erano già presenti quello della Provincia e delle associazioni combattentistiche e dell’Anpi, seguito subito dopo dall’albandiera, quindi dallo maggio delle corone d’alloro al sacrario dei caduti all’interno della Torre della Vittoria. Una cerimonia semplice e suggestiva, alla presenza di tutti i rappresentanti delle autorità civili e militari e delle forze dell’ordine, con i relativi picchetti d’onore perfetti nella regia orchestrata dai militari dell’areonatica.

C’erano il Prefetto, Provvidenza Raimondo, l’assessore regionale all’università, ricerca, formazione e lavoro, Patrizio Bianchi, il vicesindaco Massimo Maisto, la presidente della provincia Marcella Zappaterra, il generale dell’aeronautica Ottone al suo ultimo giorno in servizio presso il cofa di Poggiorenatico, il questore Luigi Mauriello, il comandante provinciale dei carabinieri colonnello Labianco della guardia di finanza, Fulvio Bernabei, quindi l’università, rappresentata dal prof. Pastore, preside di Giurisprudenza, i vertici della sanità ferrarese, rappresentanti delle crocerossine, delle associazioni, primi fra tutti del Nastro Azzurro e dell’ANPI, di cui alcuni orgogliosamente presenti e ritti in piedi con i loro vessilli e i loro 90 e passa anni.

A seguire la messa in cattedrale, “la casa comune dei ferraresi” ha detto l’arcivescovo Mons. Paolo Rabitti, che con il vicesindaco Maisto ha deposto un mazzo di fiori sulla tomba di mons. Ruggero Bovelli, pastore e difensore della città, negli anni terribili della guerra e delle persecuzioni. Eroico difensore dei perseguitati ebrei e oppositori del fascismo.

Rabitti, commentando la lettura biblica, ha messo in guardia contro la tentazione di dimenticare , in epoca di libertà, quanto ne sia costata la conquista, quindi, dal parallelo fra la liberazione degli ebrei dall’Egitto e quella dell’Italia da una opprimente dittatura nel 1945, è passato al presente e alla crisi odierna, crisi della politica oltre che dell’economia nel nostro Paese, cui si è rivolto ricordando il dovere della corresponsabilità, di tutti, ha sottolineato l’arcivescovo, non solo dei governanti.

La cerimonia Alle 17,45 in piazza Trento e Trieste, il Gruppo Teatro comunitario Pontelagoscuro e Anpi Ferrara presenteranno: ‘Liberazione’ Azione teatrale ricordando il 24 aprile 1945.

Entrano nel vivo del programma le celebrazioni cittadine, curato dal Comitato

La giornata di mercoledì 25 aprile si aprirà

Ore 10.25 – Piazza Cattedrale

ALZABANDIERA CON ONORI MILITARI

Deposizione di corone d’alloro al Sacrario dei caduti per la Libertà, all’interno della Torre della Vittoria da parte delle massime autorità, delle associazioni partigiane e d’arma.

– Ore 11.00 – Cattedrale

Deposizione di un mazzo di fiori sulla tomba di Mons. Ruggero Bovelli, all’interno della Cattedrale e funzione religiosa.

– Ore 12 – Piazza Trento e Trieste

CERIMONIA UFFICIALE

Interventi del presidente della Consulta degli Studenti Giulio Santolini, del Presidente Nazionale Nastro Azzurro Carlo Maria Magnani, del presidente dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia Daniele Civolani e della presidente della Provincia di Ferrara Marcella Zappaterra

– Ore 15.30 – 18.30 – Sala Estense

A cura dell’Istituto di Storia Contemporanea, Proiezione a ciclo continuo del documentario di Carlo Magri ‘Ferrara, aprile 1945, dal Reno al Po’. Percorso di materiali filmati dagli operatori al seguito delle Truppe Alleate.

Ore 16.15 – Piazza Municipale

Concerto della Banda musicale F. Musi (in caso di maltempo il concerto si terrà alla Sala Estense)

Ore 17.30 – Piazza Trento e Trieste

Ammainabandiera

Ore 17.45 – Piazza Trento e Trieste

Il Gruppo Teatro comunitario Pontelagoscuro e ANPI Ferrara presentano: ‘Liberazione’ Azione teatrale ricordando il 24 aprile 1945

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120425_02.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *