Lo Shinsen da spettacolo agli Europei di Ju Jitsu

Gliwice, Polonia. Ecco lo scenario degli ultimi campionati europei di ju jitsu categoria senior in cui si sono dati battaglia tutte le migliori rappresentative nazionali del vecchio continente. Il gruppo Shinsen con le sue scuole modenesi (Finale Emilia, San Prospero e Sorbara), bolognesi (Pieve di Cento, San Giovanni in Persiceto e San Giorgio di Piano), ferraresi (Lagosanto, Poggio Renatico e Jolanda di Savoia) e Castelmassa (RO) ha contribuito alla spedizione azzurra con 6 atleti.
Elisa Marcantoni, convocata nel Fighting system women -70kg, è alla prima esperienza nei senior. Dopo la medaglia di bronzo ai recenti campionati mondiali under21 ad Abu Dhabi Elisa debutta nella classe regina contro una delle avversarie più forti del panorama agonistico europeo: l’atleta tedesca Annalena Bauer. L’azzurra combatte bene, ma la tedesca fa valere la sua maggior esplosività e vince l’incontro. Nel successivo ripescaggio Elisa si scontra contro l’atleta croata Sonja Krizmancic: match duro, scambi di colpi ravvicinati e tanta grinta. Vince la croata nonostante l’ottima prestazione di Elisa che si piazza così al settimo posto. Una prima esperienza nel mondo dei grandi positiva: tornerà utile in futuro.
Ben Brahim Sala e Gianmarco Iazzetta difendono il tricolore nella divisione maschile del duo system. Si presentano dopo aver conquistato una pesante medaglia di bronzo al loro debutto al Paris Open. Dopo un primo incontro che li vede vittoriosi contro il Montenegro i due italiani perdono contro la formazione tedesca: da qui in poi si materializza una vera odissea. I nostri infatti avendo perso il secondo match vengono ripescati prima contro il Belgio che sconfiggono senza troppi patemi, poi si scontrano contro la Spagna vincendo anche contro “La Roja” ed infine sconfiggono la seconda formazione tedesca in finale per la medaglia di bronzo. Una giornata piena di gare e di soddisfazioni che conferma la qualità della formazione maschile messa a dura prova da un girone degno della divina commedia: bravi!
Nella categoria femminile del duo system troviamo Sara Paganini e Linda Meotti al loro secondo europeo. L’anno scorso infatti vinsero la medaglia di bronzo al debutto come formazione femminile azzurra, confermando il risultato al recente Paris Open con una medaglia d’argento. Il primo incontro le vede contrapposte alla coppia padrone di casa, che riescono a sconfiggere qualificandosi contro la coppia austriaca in semifinale. Purtoppo anche stavolta le gemelle austriache campionesse del mondo in carica battono le azzurre, anche se di pochissimo, confermando la crescita della coppia italiana che va a giocarsi la medaglia di bronzo contro la formazione slovena, riuscendo a vincere. Tre apparizioni in campo internazionale per Sara e Linda e tre medaglie consecutive: costanza è la parola d’ordine!
Nella divisione mista del duo system ci pensano Michele Vallieri e ancora Sara Paganini a far valere le ragioni italiane. Dopo un piccolo periodo di pausa dopo aver vinto i World Games a luglio dell’anno scorso sempre in Polonia, la coppia si presenta ai blocchi di partenza di questo europeo con tanta voglia di far capire a tutti chi è che comanda! Al primo incontro asfaltano la coppia montenegrina, andando in semifinale contro il Belgio. Sfida tosta quella contro i fiamminghi, ma alla fine sono i nostri a vincere e ad andare in finale per la medaglia più preziosa contro la formazione tedesca. Italia – Germania non è mai una sfida come le altre. In tutti gli sport vi è sempre una sana dose di rivalità tra queste nazioni. E nel ju jitsu non è certamente diverso. In finale gli italiani sfoderano una prestazione assoluta, demolendo gli avversari che non possono fare altro che rendere omaggio a Michele e Sara che ribadiscono nuovamente il loro ruolo di coppia alpha in questo sport. Settimo titolo europeo per gli azzurri e l’inno di Mameli che riempie l’arena. Vi è solo un aggettivo per descriverli: tirannici!
In ogni categoria del duo system classic l’Italia si porta a casa una medaglia (due bronzi ed un oro). Sarà un caso che tutte queste medaglie sono state vinte da atleti del gruppo Shinsen? Crediamo proprio di no. Negli ultimi anni il gruppo Shinsen ha sfornato atleti nel duo system classic con una continuità quasi spaventosa, rifornendo la nazione italiana non solo di atleti ma anche di medaglie internazionali pesanti. I risultati parlano chiaro: per quanto concerne il duo system lo Shinsen è certamente una delle scuole migliori d’europa, con atleti ed istruttori capaci e sempre pronti all’azione. Il cielo è azzurro (ed oro) su Gliwice!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *