L’Orchestra città di Ferrara diventa l’orchestra del Teatro “Abbado” – INTERVISTE

Siglata la convenzione per la creazione di eventi culturali tra la Fondazione e la realtà concertistica fondata nel 1992 con il sostegno di Claudio Abbado.


L’Orchestra Città di Ferrara diventa l’orchestra della Fondazione Teatro Comunale di Ferrara. È stata siglata oggi, 6 ottobre 2021 al teatro “Claudio Abbado”, la convenzione tra la Fondazione e l’Associazione Sympàtheia – Orchestra Città di Ferrara.

In forza della convenzione l’Associazione Sympàtheia avrà il compito di progettare e realizzare appuntamenti musicali per le stagioni di lirica, balletto e concertistica, mettendo a disposizione le proprie professionalità. Proporrà al pubblico occasioni di approfondimento, coinvolgendo personalità significative del settore, e potrà proporre ed elaborare progetti multidisciplinari di introduzione e approfondimento degli spettacoli. La sede organizzativa dell’associazione sarà ospitata al Teatro Abbado, con messa a disposizione degli spazi e dell’attrezzatura tecnica per le prove e la realizzazione delle produzioni.

La firma odierna suggella la collaborazione tra il Teatro Abbado e l’Orchestra Città di Ferrara già sperimentata negli ultimi due anni di attività nelle stagioni di lirica, di balletto e concertistica, e ne riconosce il valore artistico, anche suffragato dall’attività dell’Associazione per altre prestigiose istituzioni concertistiche e teatrali.

La musica classica costituisce un ambito speciale d’interesse per la fondazione ferrarese, da Claudio Abbado in poi, con una programmazione artistica di assoluto rilievo internazionale. L’accordo, di durata triennale, è volto a realizzare e promuovere nuove attività e produzioni del teatro con una propria orchestra, incentivare la ricerca, diffondere la conoscenza del patrimonio artistico-musicale e ampliare il pubblico. Si inserisce nel più ampio disegno organico di politica culturale sul territorio, anche in collaborazione con altre istituzioni culturali, quali Ferrara Musica e Ferrara Arte.

L’Orchestra Città di Ferrara sarà impegnata già venerdì 29 e domenica 31 ottobre per il primo appuntamento della nuova stagione di Lirica, Madama Butterfly di Giacomo Puccini, una produzione Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con Teatro Comunale di Treviso e Fondazione Teatro Comunale di Ferrara. L’orchestra sarà diretta da David Crescenzi.

Nelle passate produzioni della Fondazione ha collaborato in Cantata D’autore di Simone Cristicchi, nell’opera Norma, nel musical Nine basato su 8 ½ di Fellini, nell’omaggio a Morricone e nel Gran Gala Giuseppe Verdi. Antonio Aiello, primo violino dell’orchestra, ha inoltre preso parte a Passio Christi, spettacolo teatrale con contaminazioni cinematografiche nato da un’idea di Michele Placido.

“La convenzione consacra l’impegno del Teatro, in attuazione delle politiche dell’Amministrazione Comunale, di valorizzare al massimo realtà locali di enorme valore artistico e musicale, cosa che l’Orchestra Città di Ferrara ha ampiamente dimostrato di essere. Il percorso intrapreso, che ci auguriamo porti in futuro importanti risultati nell’offerta artistica alla Comunità ferrarese, è frutto di un intenso lavoro del Direttore Generale Ovadia e del Direttore Artistico Corvino, che desidero espressamente ringraziare per questo, a nome di tutto il CDA”. Carlo Bergamasco, Vice Presidente Fondazione Teatro Comunale di Ferrara

“Mi piace pensare che l’aver sottoscritto una convenzione con la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, che riconosca all’Orchestra Città di Ferrara il ruolo di propria orchestra stabile di riferimento, non sia un punto di arrivo dopo tanti anni di attività, quanto piuttosto un inizio, che trae la propria forza dalla nuova visione di “Teatro che produce” fortemente voluta da questa Amministrazione, dove l’Orchestra divenga un elemento imprescindibile di qualità ed eccellenza. Ma c’è qualcosa di più: in questo difficile anno di pandemia siamo sempre stati invitati ai tavoli di lavoro e progettazione artistica del Teatro, e questo è un momento imprescindibile per la crescita artistica di un’orchestra”. Giovanni Polo, Direttore artistico Orchestra Città di Ferrara

ORCHESTRA CITTÀ DI FERRARA

L’Orchestra Città di Ferrara, associazione autonoma di musicisti, nasce nel 1992 con il sostegno di Claudio Abbado attraverso un innovativo progetto di collaborazione con i musicisti della Chamber Orchestra of Europe. Il primo concerto dell’orchestra ha avuto luogo al Teatro Comunale di Ferrara con musiche del Novecento ispirate alla mostra su Marc Chagall (1992). Immediatamente il repertorio si è allargato al Romanticismo mitteleuropeo (Beethoven, Mendelssohn, Schubert, Wagner, Brahms, Schuman, Chopin, fino a Richard Strauss) e al Settecento, dal barocco al classicismo viennese (Frescobaldi, Corelli, Vivaldi, Tartini, Bach, Rameau fino a Salieri, Haydn e Mozart). Le più significative e caratterizzanti esplorazioni dell’orchestra hanno tuttavia riguardato il repertorio del Novecento: i classici (Stravinskij, Hindemith, Bartòk, De Falla, Schönberg, Prokof’ev, Ravel, Copland, Janacek, Barber, Weill, Rota, Respighi), ma soprattutto i contemporanei come Berio, Sciarrino, Corghi, Battistelli.

Hanno collaborato con l’Orchestra Città di Ferrara, fra gli altri, direttori e solisti come William Conway, Douglas Boyd, Paul Meyer, Daniele Damiano, Michel Dalberto, Charles Rosen, Lü Jia, Michael Halàsz, Giampaolo Bisanti, Enrique Mazzola, Giuseppe Grazioli, Rudolf Buchbinder, Yoram David, Pedro Alcalde, George Schmoe, Oliver von Dohnanyi, David Garforth, Rowland Lee, Georgy Rath, Lothar Koenigs, Johnathan Webb, Maria José Trullu, Jean-Bernard Pommier, Pier Narciso Masi, Jacques Zoon, Alexander Vedernikov, Diego Fasolis, Nikolas Brochot, Cristoph Muller, Micha Hamel, Peter Csaba, Sergio Alapont, Laura Polverelli, Daniele Pollini, Federico Mondelci, Andrea Griminelli, Danielle Lavalle, Sylvie Guillem, Arnoldo Foà, Lucio Dalla, Laura Marzadori.

Varia e articolata l’esperienza nell’opera e nel balletto. Negli anni l’orchestra ha improntato la sua attività nel campo operistico maturando un vasto repertorio che annovera i più importanti titoli della tradizione italiana, da Rossini a Verdi, Bellini, Donizetti, Mascagni, Puccini. L’Orchestra ha avviato, con il patrocinio del Comune di Ferrara e della Regione Emilia Romagna, il progetto “Orchestra Città di Ferrara – veicolo di cultura tra città e territorio” producendo sino ad oggi più di 200 appuntamenti concertistici. Ha inciso per Polygram, Auvidis, Denon-Columbia, Tactus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *