L’uccisione di Valerio Verri arriva in Parlamento. Interrogazione di MDP: “quella morte poteva essere evitata?”

Dopo l’esposto presentato in procura dai figli, ora anche Parlamento e Governo sono chiamati ad occuparsi dell’omicidio di Valerio Verri e delle circostanze in cui è avvenuto lo scorso 8 aprile.

Filiberto Zaratti, deputato di MDP, il neonato Movimento Democratico Progressista, ha infatti presentato insieme ad altri colleghi un’interrogazione a risposta scritta al Ministro dell’Interno e al Ministro della difesa. La domanda che sta alla base dell’interrogazione è, in estrema sintesi, questa: era possibile evitare l’uccisione di Valerio Verri? E se era possibile ma non lo si è fatto, ci sono delle responsabilità? Sono gli stessi interrogativi che hanno indotto i figli della guardia ecologica volontaria uccisa a presentare, tramite il loro legale Fabio Anselmo, l’esposto in procura di cui Telestense ha parlato ieri sera nel TV giornale.

Il deputato di MDP ripercorre, nella propria interrogazione, alcuni dei fatti che avvennero tra il 1 aprile, quando fu ucciso il tabaccaio di Budrio Davide Fabbri e l’8 aprile, quando viene uccisa la Guardia ecologica volontaria e ferito l’agente di polizia provinciale Marco Ravaglia. Perché non fu interdetta al pattugliamento delle guardie ecologiche volontarie la zona in cui con tutta probabilità si rifugiava fin da allora Igor Vaclavich-Norbert Feher? Perchè tale interdizione fu decisa solo dopo la morte di Verri, e non nei giorni precedenti? Eppure, elenca l’interrogazione, c’erano già numerosi indizi che il pericolosissimo Norbert Feher fosse proprio in quell’area che ormai siamo abituati a chiamare ‘zona rossa’, e che a lui fosse da imputare l’omicidio del tabaccaio di Budrio. Sonjo a queste le domande a cui i ministri competenti dovranno rispondere: il deputato Zaratti conclude chiedendo che il ministro invii a tutte le prefetture italiane una circolare che indichi in analoghe situazioni di rischio, la sospensione cautelativa di qualsiasi attività di vigilanza volontaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *