L’ultimo saluto di Ferrara ad Alfredo Santini

Un sagrato affollato da amici e da molte personalità pubbliche che hanno segnato la vita economica e politica della città accanto ad Alfredo Santini, storico presidente della Cassa di Risparmio di Ferrara, cui oggi la città e la provincia hanno dato l’ultimo saluto.

Tanti conoscenti, tanti ex dipendenti Carife, semplici cittadini che hanno voluto stringersi attorno ai figli e ai nipoti nel momento della scomparsa del nonno e del padre.

Alla Cerimonia, cui non è stata in grado di essere presente l’amatissima moglie , non è mancato il messaggio del Segretario di Stato Vaticano Parolini, che ha voluto inviare la Benedizione del Santo Padre ad un cattolico che si è distinto sempre per la generosità dell’impegno anche come Gentiluomo di Sua Santità.

Ad esprimere il cordoglio dell’Arcivescovo, impossibilitato ad intervenire di persona, Mons. Massimo Manservigi Vicario della Diocesi e amico personale di Santini, di cui ha ricordato le confidenze dell’ultimo periodo della sua vita, le lunghe conversazioni nell’Ufficio dell’Uciid presso Casa Cini, l’impulso dato a tanti settori della vita e della comunità ferrarese, cultura, volontariato, economia.

Una cerimonia non formale, che ha avuto momenti di pathos nel ritratto tracciato da Mons. Manservigi dell’uomo privato e pubblico e nelle parole del figlio Alberto, che ha ricordato il ruolo di guida del padre, ringraziandolo per l’esempio di generosità verso il prossimo e l’apertura ai valori della politica. Un uomo pratico, anche nella fede, ha detto Mons. Manservigi, mai rassegnato di fronte ai problemi, generoso nella speranza, che ha dato il titolo anche all’ultimo convegno pèromosso come Presidente Uciid sul futuro della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *