Il contratto di governo proposto dal M5S

di maio

Dopo il tentativo fallito  per un esecutivo M5S-Lega, il Presidente Mattarella  ha affidato  a Roberto Fico, presidente della Camera, convocato ieri alle 17 al Quirinale, un mandato esplorativo per la formazione di un nuovo governo sostenuto da una maggioranza dem e 5S.

Il presidente della Camera dovrà completare la sua verifica politica entro la giornata di giovedì 26 aprile.

“Sono emozionato ed orgoglioso di pubblicare la prima stesura del contratto di governo con il quale vogliamo realizzare il cambiamento che gli italiani aspettano da tanto tempo”.

E’ quanto scrive il leader del Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio, in un post sul blog del MoVimento da cui si può scaricare il programma sulla cui base stringere l’alleanza politica necessaria a formare la maggioranza di governo.

Un contratto alla tedesca per stringere l’alleanza politica necessaria a formare la maggioranza di governo.

E’ pronto un primo schema di accordo”, ha spiegato il leader del M5S Luigi Di Majo, da approfondire insieme alla forza politica che accetterà di sedersi al tavolo con i Cinquestelle.

“Il Movimento, aggiunge Di Majo, non ha nessuna intenzione di perdere la sua identità politica in un governo di coalizione classico, anche perché la distanza dalla Lega e dal Pd su molti temi decisivi e sui mezzi per realizzarli rimane netta. Per garantire un governo forte e votato al cambiamento abbiamo quindi proposto un’intesa su 10 punti fondamentali per il Paese, da portare avanti unendo le forze, con disciplina, lealtà e onore”. Dieci punti elaborati e messi nero su bianco da un comitato scientifico presieduto dal professor Giacinto Della Cananea per studiare le convergenze programmatiche tra il Movimento 5 Stelle e i due partiti con i quali è in corso un dialogo per il governo: la Lega e il Partito Democratico.

Il contratto “prevede , dice Di Majo, dei vincoli politici per impedire ad una delle parti contraenti di ignorare l’accordo mettendo a rischio la tenuta del Governo e un comitato di conciliazione nominato dalle parti con lo scopo di ricomporre le eventuali divergenze e una verifica sull’avanzamento dei lavori a metà della legislatura, così da garantire ai cittadini piena trasparenza sull’azione di governo”. I dieci punti, che partono dall’ Europa, danno innanzitutto rassicurazioni sulla permanenza nell’Ue e nella Nato dell’Italia targata 5Stelle. “Ma il governo sarà fermo nel pretendere il rispetto dell’eguaglianza tra gli Stati che fanno parte dell’Unione» recita il testo del comitato.

In tema di sicurezza e immigrazione si parla, invece, di un coordinamento di intelligence e forze dell’ordine internazionali «nell’area mediterranea» (per «porre un argine più saldo al traffico di esseri umani») e si chiede «una gestione solidale dei flussi». Segue la lotta alla povertà con un «potenziamento dei sistemi attuali di sostegno al reddito», simile al reddito di cittadinanza, ma senza il nome.

Per quanto riguarda lo sviluppo, si insiste sulle piccole e medie imprese, sulla necessità di «un contesto normativo, regolativo, ambientale e fiscale che le protegga». «La semplificazione fiscale è anche una nostra priorità, ha detto ieri Danilo Toninelli, una flat tax che non svantaggi le fasce più deboli e rispetti il criterio della progressività scolpito nella nostra Costituzione, per noi va bene».

Il comitato presieduto dedica anche un’ampia riflessione alle differenze tra le forze in campo «Le divergenze sono molto accentuate, se non radicali — recita il documento — , per quanto concerne i fini (ad es. il sistema pensionistico) o i mezzi (ad es. gli strumenti per contrastare la povertà e l’organizzazione della giustizia penale)». Divergenze forti, che secondo il Comitato, potrebbero rendere ardua la formazione “di un governo coeso». Fra gli altri punti di divergenza ci sono ile vaccinazioni e altri temi che riguardano la fedeltà all’Unione europea. Proprio per questo, temi come i vaccini o la riforma della legge Fornero sono al momento stralciati dal progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *