Made in FE international – VIDEO

10 made in fe

Sono diversi i ferraresi che hanno avuto successo nel mondo. Il “Made in FE” ne ha invitati alcuni per raccontare le loro esperienze.

Ferrara nel mondo: è stato questo il “tema” dell’ultimo appuntamento del 2016 alla Sala Estense del “Made in FE”, l’ormai abituale show di Andrea Poltronieri e Paolo Franceschini che ha voluto chiudere la trilogia con un taglio internazionale. E così dal palco del teatro di Piazza Municipale sono saliti Ermanno Brunelli, imprenditore di Berra che, assieme a Gilberto Maestri, ha fondato la AMB Electronic, unica costruttrice mondiale della famosa «tavoletta elettronica luminosa» per la sostituzione dei giocatori durante le partite di calcio; Stefano Bottoni, ideatore del Ferrara Buskers Festival (che durante la serata ha ricordato le vittime del Belgio, nazione ospite dell’edizione 2015); Thomas Cheval, artista franco-ferrarese diventato celebre grazie al talent “The Voice”.

E ancora il cantautore ferrarese Leonardo Veronesi, ironicamente accompagnato da zombie, simbolo di emarginazione e diversità, e Luca Gamberini, che con una filastrocca dove cita tutti i paesi della provincia di Ferrara è diventato un fenomeno virale del web. Come sempre, lo show è stato arricchito dallo staff abituale composto dall’attrice Roberta Marrelli, che ha fatto notare quante parole straniere compongono ormai il nostro vocabolario quotidiano; dal jolly Giulio Tani, con imitazioni e incursioni a sorpresa sul palco; da Denisa Barotti, valletta e co-conduttrice e da Pedrini Cantastorie, in questi giorni protagonista anche di un progetto dell’Istituto di Storia Contemporanea alla Pasqua del Puedes, dove interpreta un Ariosto in chiave moderna. Il “Made in FE” tornerà durante l’estate con un tour che lo porterà in diverse località della provincia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *